Zogno, senza licenza e con fucile potenziato: denunciato bracconiere

L’uomo è stato individuato mentre cacciava illegalmente selvaggina da un piccolo capanno improvvisato, costruito con remaglie e telo in plastica

Fucile sequestrato a un bracconiere

Fucile sequestrato a un bracconiere

Zogno (Bergamo), 31 gennaio 2024 –  In seguito a appostamenti serali e notturni, la Polizia provinciale ha individuato e fermato nei giorni scorsi un uomo colto in flagranza mentre cacciava illegalmente selvaggina da un piccolo capanno improvvisato, costruito con ramaglie e telo in plastica.

I controlli successivi hanno rivelato diversi illeciti penali e amministrativi. La persona fermata non possedeva la licenza di caccia, e l'arma utilizzata non era stata denunciata. Sono state contestate diverse violazioni, tra cui la caccia in giornata di silenzio venatorio, l'uso di munizioni non consentite e di un visore notturno, e l'esercizio della caccia senza le necessarie autorizzazioni e documenti.

Ulteriori accertamenti sono in corso per determinare la provenienza dell'arma, un fucile tipo

doppietta calibro 16, che è stato anche modificato artigianalmente per aumentare le sue potenzialità offensive, consentendo l'esplosione di colpi a palla unica di calibro 308.

“L'operazione recentemente condotta dimostra l'impegno della Provincia nella salvaguardia del

territori, nel contrastare il bracconaggio e nel far rispettare le leggi sulla caccia e la fauna

selvatica” a commentato il comandante della Polizia provinciale Matteo Copia.

L'uomo è stato denunciato mentre il fucile, le cartucce e il materiale utilizzato sono stati posti

sotto sequestro.