Quotidiano Nazionale logo
7 mar 2022

Minacciata e aggredita da anni Misura cautelare per proteggerla

L’uomo che la perseguita colpito dal provvedimento del giudice: "Dovrà starle lontano almeno 500 metri"

Piera Pendusci, 61 anni, di Berbenno
Piera Pendusci, 61 anni, di Berbenno
Piera Pendusci, 61 anni, di Berbenno

BERBENNO (Sondrio) C’è una svolta nel caso della donna di Berbenno, in Valtellina, che da diversi anni presenta denunce per minacce, danneggiamenti, aggressioni (è finita anche al Pronto Soccorso per le lesioni subite) e che, due settimane fa, ha raccontato la sua storia a “Il Giorno”, annunciando di avere incaricato il suo avvocato, Giuseppe Romualdi di Sondrio, di attivarsi per procurarle "il porto d’armi, così posso difendermi da sola, in quanto non lo fa la giustizia". "Il giorno stesso in cui è stato pubblicato l’articolo sono stata convocata in Procura - dichiara Piera Pendusci, 61 anni, vedova che vive sola, addetta alle pulizie nell’ospedale - e contattata anche da un funzionario dell’Anticrimine della questura di Sondrio. L’ispettore Mauro Menatti della Polizia di Stato, in servizio a Palazzo di giustizia, su incarico del magistrato Chiara Costagliola, mi chiese di riassumere tutti gli episodi di cui sono stata vittima. Nei giorni successivi sono stati convocati altri testimoni, fra cui mia figlia e un vicino di casa che hanno confermato, tra l’altro, di avere assistito ad alcuni di essi". L’indagine ha preso l’auspicato impulso e il sostituto procuratore Costagliola, alla luce degli elementi raccolti, ha subito presentato al gip la richiesta di applicazione di una misura cautelare a carico dell’uomo che, da diversi anni, perseguita la querelante con continui atti persecutori che si sono tradotti nell’ipotesi di reato di stalking. "La reiterazione dei fatti in contestazione, nonché la progressiva carica offensiva degli stessi - scrive il giudice Fabio Giorgi nel suo provvedimento - fanno ritenere come misura idonea a prevenire ulteriori condotte illecite il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa Piera Pendusci (in particolare l’abitazione a Berbenno e l’abitazione di residenza a Sondrio), con l’ulteriore prescrizione di mantenere una distanza minima di 500 metri da tali luoghi e dalla persona offesa, al ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?