Ai Giochi in Corea del Sud lombardi senza medaglie

Nelle gare di sci, short track e salto femminile solo piazzamenti per gli under 18. Ora tocca al fondo con Giacomelli e Bianchi. Nel freestyle la speranza è Passaretta.

Ai Giochi in Corea del Sud lombardi senza medaglie
Ai Giochi in Corea del Sud lombardi senza medaglie

E’ ancora alla ricerca della prima medaglia la pattuglia di otto lombardi impegnati nella spedizione dei 74 italiani che partecipano alla quarta edizione dei Giochi Olimpici Giovanili Invernali riservata agli under 18, in corso di svolgimento fino all’1 febbraio nella località coreana di Gangwon che nel 2018 ospitò la rassegna a cinque cerchi dei grandi.

Nello sci alpino il bergamasco di Clusone Pietro Scesa, tesserato per lo Sci Radici Group, ha aperto la sua esperienza con un ventiquattresimo posto nel supergigante maschile valido anche per la combinata, nella quale è uscito nella manche di slalom, così come gli è capitato nella prima manche del gigante.

Tornato in pista nella gara singola fra i pali stretti, ha ottenuto il miglior piazzamento con l’ottavo posto, mostrando carattere e voglia di rivalsa, e nella successiva prova a squadre del parallelo ha contribuito al sesto posto.

Nel salto femminile si è difesa con onore Camilla Henni Comazzi, che difende i colori bresciani dello Sci Club Pontedilegno, diciannovesima dal trampolino HS109 e sesta nella gara mista a squadre. Nello short track i bormini non sono riusciti a fare molta strada. Sara Martinelli è stata eliminata nella batteria dei quarti di finale dei 1500 metri femminili, qualche passo in più lo ha compiuto Daniele Zampedri, il quale ha vinto la finale B sui 1500 metri maschili che gli è valso l’ottavo posto totale, ripetendosi nella successiva prova sui 500 metri dove, estromesso in semifinale, si è tolto comunque la soddisfazione di aggiudicarsi la finalina di consolazione, valevole per il sesto posto. Il bergamasco Aaron Van Quang Pietrobono ha superato il primo turno nei 1500 metri, ma è uscito nella successiva semifinale. Peggio gli è andata nei 1000 metri, dove ha lasciato la compagnia al primo turno. Alla conclusione della manifestazione giovanile rimangono gli ultimi sei giorni di competizioni, nelle quali entrerà in scena soprattutto lo sci di fondo.

Sugli sci stretti si cimenteranno i valtellinesi Stella Giacomelli e Niccolò Giovanni Bianchi. Per la sedicenne di Valdisotto, portacolori dello Sci Club Alta Valtellina, si si tratterà di un vero e proprio tour de force, che la vedrà impegnata su tutte le distanze previste dal programma: sprint in tecnica libera, 7,5 km in tecnica classica e staffetta mista, così come il diciassettenne di Livigno, tesserato per lo Sporting Club Livigno. Nel freestyle si presenterà l’altra valtellinese Manuela Passaretta.