Ardenno, 27 luglio - Il Consiglio Comunale di Ardenno si schiera, accanto a Morbegno e agli altri Comuni della Bassa Valle che sceglieranno di farlo, a favore del presidio ospedaliero della cittadina del Bitto. E' quanto emerso dalla seduta di martedì 26 luglio quando all'unanimità i consiglieri hanno approvato il documento “a difesa e rilancio della sanità di montagna, con riferimento ai servizi territoriali, all’ospedale di Morbegno e alla piena operatività del pronto soccorso alpino”. Si tratta del piano discusso nella seduta del 18 luglio dal sindaco Andrea Ruggeri e i consiglieri del suo Comune. Il primo cittadino di Ardenno, Laura Bonat, nell'esprimere soddisfazione per il risultato, ha sottolineato l'importanza di questa azione condivisa per il territorio in difesa dei diritti fondamentali dei cittadini e ha ricordato che la sanità non deve mai essere “materia di lotte politiche o ricerca di facile consenso".

Sempre in un'ottica di massima collaborazione con gli organismi deputati alla realizzazione delle politiche sanitarie. Mentre in merito alle politiche sociali è stato sottoscritto il 19 luglio il Protocollo d’Intesa per la gestione delle attività di volontariato svolte dai migranti ospitati nel Comune. Il documento - siglato dal sindaco e dai rappresentanti della Cooperativa Altra Via che gestisce la struttura di accoglienza di Ardenno presso l’istituto San Lorenzo ed ospita circa 15 richiedenti asilo – prevede attività (da svolgere affiancati dal personale della cooperativa) di manutenzione varia, pulizia strade e tenuta del verde pubblico. A tal proposito il sindaco, Laura Bonat, si è detta lieta dell'impegno che si avvia in questo modo per l'integrazione dei migranti ospiti in Valle.