Mezzago (Monza e Brianza), 18 marzo 2017 - Il suono di bambini che provano i loro strumenti nel cortile della scuola. Il sorriso compiaciuto delle mamme venute a prenderli, in un pomeriggio assolato. Ma a rovinare la festa di un’improvvisata lezione alla scuola elementare di Mezzago, in Brianza, ci pensa l’ispettore della Siae. Il funzionario si presenta, si qualifica e chiede il pagamento dei diritti d’autore. E scoppia la rivolta. Comune e genitori insorgono: «Ci ha offesi» e la vicenda si trasforma subito in un caso. «Serve buon senso nell’applicare le regole. Una merce rara di questi tempi», sentenzia il sindaco Giorgio Monti, che non ci ha visto più quando gli hanno riferito della «pratica». È cominciato tutto con l’invito alle famiglie a partecipare al momento finale di uno dei tanti laboratori di musica che vivacizzano il curriculum dei ragazzi da queste parti. Mezzago ha una lunga e consolidata tradizione in questa direzione, tanto da avere un indirizzo specifico già alle medie, grazie alla presenza della blasonata «Accademia Mozzati».

«I piccoli, qui, crescono tutti con uno strumento in mano», ricorda il primo cittadino, che sborsa ogni anno una bella cifretta per integrare le competenze ministeriali. Complice il tepore ormai primaverile, i docenti hanno proposto che la famosa prova di musica si svolgesse in giardino, pochi minuti prima del rientro a casa pomeridiano. A godersi l’esibizione, eccezionalmente, sono stati ammessi nonni, mamme, zii: insomma, chi va a prendere i ragazzi di solito. «Non l’avessimo mai fatto», sbotta Monti. Complice la circostanza che la strada viene chiusa proprio per agevolare l’uscita degli alunni, un tecnico della Siae che si trovava in città per verifiche a tappeto nei bar, costretto a muoversi a piedi, ha sentito librarsi le note nell’aria. E si è presentato ai cancelli. «Musica diffusa, dovete pagare», la perentoria intimazione. Un’affermazione che ha fatto strabuzzare gli occhi ai presenti e ha mandato il tilt i piccoli artisti, interrotti sul più bello. «Già dal linguaggio si capisce di che pasta sono fatti questi “esattori” – dice Monti -. Quello non era un concerto con biglietti da vendere, ma una lezione per bambini di 8 anni». L’incredulità è volata di bocca in bocca, in piazza e sul web. Ed è anche stato difficile uscirne. «Abbiamo dovuto fornire alla Siae l’esatta spiegazione dell’iniziativa – conclude il primo cittadino –. Alla fine, pare, che abbiamo desistito dal compilare il verbale. Niente tassa, insomma. «Anche perché non era affatto dovuta».