Lecco, 6 settembre 2017 - Inizio di settembre stratosferico per Matteo Grattarola. In quattro giorni il pilota di Margno si conferma campione italiano Trial Indoor e Outdoor, vincendo le gare decisive di Varazze e Badia Calavena. In totale sono otto i titoli italiani conquistati nella categoria TR1 dall’alfiere delle Fiamme Oro e del Team Spea Gas Gas. Un record assoluto in Italia e la conferma del talento del pilota valsassinese. Grattarola a Badia Calavena si è presentato caricato dal fresco successo in Liguria nell’Indoor e deciso ad assicurarsi il titolo assoluto 2017 anche nel campionato tradizionale. Obiettivo centrato con una gara incisiva malgrado il terreno scivoloso per la pioggia della vigilia. Gara e titolo anticipato dunque per Matteo, al suo sesto successo stagionale in altrettante gare tricolori. A dimostrare il divario tra Grattarola e i suoi avversari, le penalità della gara veronese, conclusa dal pilota del team Spea Gas Gas con 21 penalità, davanti allo spagnolo Francesc Moret (Montesa) con 49 penalità, terzo in gara ma secondo nella classifica del tricolore l’altro lecchese protagonista della serie nazionale Luca Petrella su TRS, con 58 penalità.

Nel campionato Grattarola è campione con una gara d’anticipo, mentre Petrella è quasi certo del secondo posto, davanti all’aostano Tournour. Ma a sorridere a Badia Calavena è stato anche il bellagino Lorenzo Gandola, vincendo la sua prima gara tricolore nella TR2 nel giorno del suo diciassettesimo compleanno. Per il pilota del team Scorpa una giornata davvero speciale, centrando una vittoria nella TR2 inseguita con tutte le forze nell’anno della consacrazione anche in campo internazionale con la conquista del mondiale junior. E ora l’attenzione si sposta al Gp d’Italia del 16-17 settembre a Pietramurata, ultima prova del mondiale, con gli azzurri attesi protagonisti.