Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 lug 2022

Albina, l’ultima superstite del Titanic: "Così le abbiamo ridato il suo nome"

Gallarate, la ricerca di due appassionati riscrive la storia di una delle due italiane salvate dal nau fragio del 1912

19 lug 2022
giovanni chiodini
Cronaca
Da sinistra, Claudio Bossi Claudio esperto del Titanic ed Ernesto Milani
Bossi Claudio esperto del Titanic ed Ernesto Milani
Da sinistra, Claudio Bossi Claudio esperto del Titanic ed Ernesto Milani
Bossi Claudio esperto del Titanic ed Ernesto Milani

Gallarate (Varese), 19 luglio 2022 - Sono passati 110 anni dal naufagio del Titanic e solo oggi, grazie alla passione di un genealogista milanese, Ernesto Milani, il gallaratese Claudio Bossi, uno dei più autorevoli esperti internazionali sulla storia del celebre transatlantico, è riuscito a dare un nome alla seconda donna italiana a bordo della nave. Non è originaria di Roma, come si sempre sostenuto e scritto, ma una bellunese, Albina Bassani, nata ad Arsiè. "Ci sono voluti anni di ricerche – spiega Milani –. La lista passeggeri indicava questa donna come nata e residente a Roma ma allora le liste si facevano con quello che veniva detto da chi saliva a bordo. Anche il cognome non era certo: in alcune carte si leggeva Barzani". "Probabilmente è stata la miliardaria Emma Bucknell, che aveva la Bassani al suo servizio, a dare questa informazione alla compagnia. Le due donne stavano difatti tornando in America dopo un soggiorno romano, a casa della figlia della Bucknell, una pittrice, che si era da poco sposata con un conte Pecorini. Quanto ad Albina, ho trovato l’estratto di nascita e ricostruito tutta la sua storia, sulla base di precisi documenti. Alla fine del 1800 era emigrata in Svizzera con la famiglia. Poi andò in America, nel Massachusetts tra il 1901 e il 1909, dove si sposò, ebbe dei figli e rimase vedova". «Qui fu assunta dalla miliardaria. La seguì in diversi viaggi verso l’Italia. Quella volta la Bucknell decise di rimpatriare col Titanic. La fortuna della Bassani fu di essere con lei che, viaggiando in prima classe, ebbe il privilegio di salire su una scialuppa, la numero 8, quando la nave affondava, portando sul fondo dell’Oceano più di 1500 corpi". Di questi 41 erano italiani, di cui 31 camerieri del ristorante À la Carte (tutti annegati) e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?