Milano, 10 marzo 2018 - Dopo l'ennesimo episodio di stalking nei confronti della sua ex, un tunisino di 45 anni è stato arrestato a Busto Arsizio. La vicenda era iniziata oltre un anno fa, quando il locale commissariato di Polizia aveva notificato all'uomo l'ordinanza del gip che gli vietava di avvicinarsi alla donna, dopo che lei aveva sporto denuncia. Dal suo racconto era emerso che dopo la fine della relazione con il tunisino, già incline all'abuso di alcool, questi, non rassegnandosi alla separazione, le aveva rivolto pesanti minacce di morte, appostandosi fuori casa o sul luogo di lavoro, pedinandola durante gli spostamenti, aggredendola fisicamente o ingiuriandola. L'indagato aveva seguito la vittima anche quando questa era entrata nei locali del commissariato di via Foscolo per sporgere denuncia.

Il divieto di avvicinamento, spiega una nota, non era però stato sufficiente a far desistere l'uomo dalle sue azioni persecutorie tanto che la vittima, chiamata a deporre in Tribunale dove si sta svolgendo il processo, ha spiegato che l'ex negli ultimi mesi aveva ricominciato a seguirla, ad appostarsi quasi quotidianamente fuori dai luoghi da lei frequentati e a rivolgerle minacce e offese. Queste rivelazioni hanno indotto la procura della Repubblica a richiedere la custodia cautelare in carcere per l'uomo che, privo di stabile dimora. Il 45enne è stato rintracciato ieri pomeriggio dagli uomini del commissariato nei pressi della stazione ferroviaria e portato in carcere.