Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 mag 2022

Sorpresi a rubare in un negozio Aggrediscono a schiaffi i gestori

Bloccati poi dai carabinieri i due uomini sono stati denunciati per rapina impropria

17 mag 2022
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese
Dopo l’aggressione ai gestori sono arrivati i carabinieri di Varese

Individuati e denunciati i due uomini sorpresi a rubare all’interno di uno spazio commerciale ad Arcisate nel pomeriggio di domenica. Sul posto appena lanciato l’allarme dai gestori dell’attività che chiedevano l’intervento delle forze dell’ordine in quanto erano stati aggrediti sono arrivati i carabinieri della compagnia di Varese. Secondo quanto ricostruito i due uomini, stranieri, uno dei quali risultato dagli accertamenti irregolare, stavano rubando, nel momento in cui sono stati sorpresi hanno reagito con violenza nei confronti dei gestori, spintonati e presi a schiaffi. I militari hanno raccolto tutti gli elementi utili a chiarire l’episodio quindi per i due aggressori è scattata la denuncia, dovranno comparire davanti all’autorità giudiziaria per rapina impropria. Sempre i militari di Varese sono intervenuti nei giorni scorsi sulla statale 394 a Comerio dove in serata era segnalata la presenza di un uomo ubriaco che barcollava creando pericolo per sé e per gli automobilisti. Quando sono arrivati i carabinieri sono stati aggrediti dall’uomo, un cinquantunenne già noto, colpiti con calci e spintoni. Il cinquantunenne è stato arrestato per violenza e resistenza. È stato portato in ospedale, visto lo stato di alterazione, e piantonato dai militari fino all’altro giorno quando, dimesso, è comparso per la direttissima che ha convalidato l’arresto, quindi è stata disposta la liberazione in attesa del processo. Rosella Formenti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?