Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Malpensa, gli ambientalisti: la brughiera non si tocca

La proposta: allargare la zona cargo dove era già prevista la terza pista

Masterplan 2035 e ampliamento di cargo city, sul territorio di Lonate Pozzolo, sono temi di nuovo sul tavolo in vista dell’incontro tra Regione Lombardia, Sea e i sindaci dei nove comuni del Cuv (consorzio urbanistico volontario) in programma il 4 aprile. Sull’argomento interviene l’Associazione Viva Via Gaggio che ribadisce la sua opposizione all’espansione verso sud dell’attuale sedime aeroportuale e invita i sindaci a non accettare il piano di sviluppo proposto dalla società di gestione aeroportuale. "In queste settimane si rincorrono voci e dichiarazioni su quale espansione dell’aeroporto di Malpensa sia accettabile e digeribile dal territorio, in primis dai sindaci del Cuv. Per quanto ci riguarda, anche la sola espansione di un centimetro quadrato dell’attuale sedime aeroportuale verso sud è assolutamente inaccettabile". Dunque Masterplan bocciato. Continua la nota: "Ci sono parecchi ettari all’interno dell’attuale sedime aeroportuale "blindati" per costuire la terza pista, dunque quale zona migliore per ampliare la zona cargo. Basterebbe rinunciare, una volta per tutte, alla terza pista e utilizzare quegli spazi per ampliare la zona cargo".

In questo modo non ci sarebbe alcun sacrificio della parte a sud, quella di brughiera che, fa rilevare il sodalizio "è un suolo vergine, unico e raro che offre tutta una serie di servizi eco sistemici, purtroppo invece non viene considerato tale, addirittura viene considerato meno di un suolo già urbanizzato". Nel recente incontro in Regione con i sindaci del Cuv è stata proposta da Sea la riduzione dai 60 ettari iniziali a 45 ettari per l’espansione - sottolinea l’associazione - "in cambio di alcune rassicurazioni circa il recupero e la ricostruzione della brughiera, ma noi lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo ancora: l’habitat di brughiera per la sua conformazione non è assolutamente ricostruibile da nessun’altra parte".

Rosella Formenti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?