Quotidiano Nazionale logo
26 ott 2021

Richard Ashcroft, operazione nostalgia: esce 'Acoustic Hymns Vol.1'

Il 29 ottobre il nuovo album dell'ex leader dei Verve: 12 successi reinterpretati in versione acustica, compreso un featuring d'eccezione con Liam Gallagher

michele mezzanzanica
Spettacoli
featured image
La copertina di 'Acoustic Hymns Vol.1'

Dodici brani, nessuno inedito, tutti in versione acustica. Quella più intima, più nelle corde del nuovo Richard Ashcroft, ex bad boy del Brit Pop. Che poi tanto nuovo non è, visto che ormai da una ventina d'anni, lasciati i Verve, il menestrello di Wigan ha imboccato una strada differente nei testi e nella musica, più melodica e meno psichedelica. Senza però tradire il suo stile unico.

E 'Acoustic Hymns Vol.1', l'album in uscita il prossimo 29 ottobre via RPA/BMG, ne è la dimostrazione. Dodici brani reinterpretati in versione acustica, dodici pillole dalla carriera ormai quasi trentennale di Ashcroft. Tanto Urban Hymns, l'album del 1997 che ha segnato l'apice della carriera dei Verve e che ispira il nome di questo nuovo lavoro, dalle celebri 'Bittersweet Symphony' e 'Sonnet', 'Lucky Man' e 'The Drugs Don't Work', alle più ricercate 'Weeping Willow' e 'Velvet Morning'.

Dalla svolta solista ecco 'A Song For The Lovers' e 'Break The Night With Colour' mentre un capitolo a parte 'C’mon People (We’re Making It Now)'. Scritta originariamente proprio ai tempi di Urban Hymns, non è stata mai pubblicata ufficialmente coi Verve e alla fine è uscita nel primo album solista di Ashcroft, Alone with everybody, del 2000. In Acoustic Hymns uscirà con un featuring d'eccezione: cantata insieme a Liam Gallagher, ex frontaman degli Oasis oggi anche lui solista, grande amico di Richard dai gloriosi tempi del Brit Pop. Recentemente, Liam aveva indicato proprio in 'C’mon People (We’re Making It Now)' la canzone più rappresentativa di quell'epoca.

Il disco, coprodotto da Richard Ashcroft e Chris Potter, si annuncia dunque come un tuffo negli anni '90 ma rielaborato alla luce del percorso artistico che ha caratterizzato l'ex leader dei Verve, che quest'anno ha compiuto 50 anni, nei lustri successivi. La sezione d'archi è stata arrangiata da Will Malone e l'album è stato registrato agli Abbey Road Studios di Londra, con la band completata dalla presenza di Chuck Leavell al pianoforte, Roddy Bloomfield a guidare la sezione degli ottoni e Steve Wyreman alla chitarra acustica e agli arrangiamenti dei cori.

La tracklist di Acoustic Hymns Vol.1

1. Bittersweet Symphony
2. A Song For The Lovers
3. Sonnet
4. C'mon People (We're Making It Now) feat. Liam Gallagher
5. Weeping Willow
6.. Lucky Man
7. This Thing Called Life
8. Space & Time
9. Velvet Morning
10. Break The Night With Colour
11. One Day
12. The Drugs Don't Work

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?