Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 apr 2022

In Valtellina nel 2021 più furti e rapine

Morbegno, alla festa della Polizia il questore Angelo Giuseppe Re ha reso noti i dati dell’attività 

13 apr 2022
michele pusterla
Cronaca
Il gruppo di poliziotti che hanno ricevuto i riconoscimenti affiancati dal questore Angelo Giuseppe Re
Il gruppo di poliziotti che hanno ricevuto i riconoscimenti affiancati dal questore Angelo
Il gruppo di poliziotti che hanno ricevuto i riconoscimenti affiancati dal questore Angelo Giuseppe Re
Il gruppo di poliziotti che hanno ricevuto i riconoscimenti affiancati dal questore Angelo

Si è svolta a Morbegno la cerimonia del 170° anniversario della fondazione della Polizia. Una festa in grande stile, pur nel rispetto delle norme anti contagio, come non ne venivano organizzate da alcuni anni proprio a causa dell’emergenza Covid. In piazza Sant’Antonio sono state esposte auto storiche e mezzi con colori d’istituto della Polizia di Stato e delle specialità. All’interno dell’auditorium, invece, sono stati letti i discorsi istituzionali, presenti anche le classi di due istituti superiori, l’Enaip Lombardia e il Saraceno-Romegialli. Poi, l’Inno d’Italia a cura dei ragazzi del liceo musicale Pinchetti di Tirano e tante altre loro applaudite esibizioni e la consegna dei diplomi agli operatori, premiati dal presidente del Tribunale, Giorgio Barbuto, dal magistrato Elvira Antonelli, dal sindaco Alberto Gavazzi, dal questore Angelo Giuseppe Re. Nell’attiguo chiostro alcuni stand della Polstrada, Polizia postale, Squadra Mobile, Anticrimine e Immigrazione, ed è stata allestita una “scena del crimine” a cura della Polizia Scientifica, molto bello e tra i più visitati.La cerimonia è stata anche e soprattutto l’occasione per fare il bilancio di un anno di attività: si è registrato un leggero aumento dell’indice di delittuosità, che passa da 3783 delitti del 2020 a 4117 delitti del 2021 con un incremento dell’8,8 %.

"Un dato che può facilmente ricollegarsi al drastico calo dei delitti nell’anno 2020 segnato da lunghi periodi di lockdown e chiusure totali di moltissime attività produttive – ha spiegato il questore di Sondrio, Angelo Giuseppe Re -. La ripresa, seppur graduale e non completa, di una vivacità sociale, produttiva e relazionale, ha comportato un leggero aumento dei delitti che peraltro restano ampiamente sotto il dato, più probante, dell’anno 2019, quando erano stati 4447". Per quanto riguarda i furti, l’aumento di circa il 10% ha interessato soprattutto quelli consumati con destrezza, passati da 3 del 2020 a 29 del 2021, e quelli in esercizi commerciali da 84 a 96. Nel contempo sono diminuite, anche in ragione della sempre maggiore presenza delle pattuglie della Polizia di Stato e delle altre Forze dell’ordine, tipologie di furti di maggior allarme sociale come quelli in abitazione, 118 nel 2021, 147 nel 2020, e quelli con strappo 24 nel 2020 e 8 nel 2021.Per quanto riguarda gli altri reati contro il patrimonio, è stato rilevato un netto aumento delle ricettazioni (23 nel 2021 contro le 12 del 2020). In lieve aumento le rapine, da 11 del 2020 a 16 del 2021: si tratta spesso di rapine improprie in esercizi commerciali o in strada, quando dopo un furto, spesso di tenue valore, l’autore minaccia o percuote la vittima per assicurarsi la fuga in quanto scoperto. Non si rilevano episodi di rilevante gravità.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?