Lo stand della polizia davanti al policlinico San Matteo
Lo stand della polizia davanti al policlinico San Matteo

Pavia, 24 novembre 2021 - #Nonseidasola: è questo lo slogan scelto per la Giornata internazionale contro la violenza alle donne. Per sensibilizzare l’opinione pubblica e far conoscere gli strumenti a disposizione delle donne la #reteantiviolenzapavia ha organizzato una serie di eventi in giro per la provincia in modo da raggiungere il maggior numero di persone. E ieri anche la questura e la prefettura sono scese in piazza con un gazebo davanti al San Matteo hanno voluto raccontare che cosa fanno partendo dalla campagna 'Questo non è amore'. "La campagna ideata per il 25 novembre - ha sottolineato il questore Gerardo Acquaviva - è diventata una campagna permanente vista l’attualità stringente". Polizia, carabinieri, Università e prefettura stanno organizzando un’iniziativa nelle scuole della provincia per far capire ai giovani il problema, alzare l’attenzione e, nel caso, spingere alla denuncia. "La violenza è un fenomeno grave che colpisce tutto gli strati della società. Dobbiamo combattere sul piano culturale e della formazione" ha aggiunto il prefetto Paola Mannella.

Intanto è partita la campagna di comunicazione della rete interistituzionale con numerosi manifesti affissi in città e la distribuzione di adesivi che riportano il numero di emergenza 1522 attivo h24 per il contrasto alla violenza di genere e allo stalking. In distribuzione anche calendari in formato segnalibro coi numeri dei tre centri antiviolenza provinciali. Posizionata poi in piazza della Vittoria la scarpa rossa e il 25 novembre al Politeama ci sarà una mattinata di riflessione con studenti e studentesse delle scuole superiori e lo spettacolo teatrale “Amorosi assassini“. "Per le giocatrici del Pavia Academy - ha aggiunto l’assessore alle pari opportunità Barbara Longo - abbiamo realizzato la maglietta #stopallaviolenza con il 1522 che sarà indossata dalle ragazze durante le partite".

Al castello di Vigevano e in particolare nella sala del Duca e Nuova sotterranea da domani al 28 si svolgerà 'Non sei sola', evento di sensibilizzazione che si articolerà in vari momenti e in varie location: dai corsi d’acqua dove capiterà in quei giorni di veder galleggiare strisce rossastre a simboleggiare il sangue versato dalle vittime di femminicidio, al Mulino di Mora Bassa dove sarà sistemata una sagoma di donna lunga 15 metri illuminata da lumini accesi. Le sale al coperto che ospiteranno mostre, incontri e spettacoli. E, sempre a Vigevano alle 14 di venerdì nel reparto di ostetricia e ginecologia sarà riaperto lo sportello di accoglienza e ascolto per le vittime di violenza gestito dalla cooperativa Kore, che non era temporaneamente attivo a causa della pandemia.