Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 feb 2022

Gigi Bici, i giudici negano la libertà all’arrestata

Confermata la decisione presa dal gip il 24 gennaio "Indizi troppo gravi"

15 feb 2022
manuela marziani
Cronaca
featured image
Luigi Criscuolo, soprannominato Gigi Bici
featured image
Luigi Criscuolo, soprannominato Gigi Bici

Cura Carpignano (Pavia) - Respinto dal Tribunale del Riesame il ricorso presentato dall’avvocato Irene Anrò, legale di Barbara Pasetti, la fisioterapista 40enne finita in carcere il 20 gennaio con l’accusa di tentata estorsione nell’ambito dell’inchiesta per l’omicidio di Luigi Criscuolo, conosciuto da tutti come Gigi BiciL’avvocato chiedeva la scarcerazione ma i giudici, valutando la gravità degli indizi a suo carico, hanno confermato la decisione del gip che aveva già respinto la prima richiesta del legale presentata il 24 gennaio. "Continuo a sperare che la mia ex moglie non sia coinvolta nell’omicidio Criscuolo – ha commentato l’ex marito di Barbara Pasetti, Gian Andrea Toffano appena ricevuta la notizia – e lo spero perché Barbara è sempre la mamma di mio figlio". La 40enne al momento è l’unica indagata per omicidio e occultamento del cadavere di Gigi Bici.

L’uomo, l’8 novembre, era uscito di casa e si era diretto verso Calignano, la frazione di Cura Carpignano in cui vive Pasetti. Un testimone poco dopo le 9,20 lo aveva visto percorrere viale Lodi e, dopo aver ascoltato un messaggio al telefono, invertire il senso di marcia. Gigi Bici alle 10,11 aveva chiamato un conoscente per chiedergli il numero di Ramon Christian Pisciotta. "Non so che numero abbia, lo cambia spesso", gli aveva risposto l’amico. Alle 10,34 il cellulare del commerciante ha smesso di essere raggiungibile, ma nelle mattine seguenti il conoscente di Gigi aveva ricevuto due telefonate da una donna. Senza presentarsi, con un tono molto duro, diceva che Gigi aspettava il numero di Pisciotta e, di fronte alle richieste di presentarsi, interrompeva la chiamata. «In tutta questa storia – ha ribadito Toffano – io sono una vittima. Negli ultimi tempi Barbara era particolarmente nervosa, si litigava per nulla. Proprio per questo motivo non ho dato peso a quelle parole: “Andrò all’inferno. Ho fatto uccidere un uomo“. Sono stato ingenuo".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?