Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 mag 2022

"Villa Reale e Parco grandi assenti": l'appello dei comitati ai candidati

Lettera ai nove aspiranti sindaci, tra le richieste la demolizione di curve sopraelevate e pista di alta velocità Bianca Montrasio: "Sulla Reggia solo frasi fatte, mentre si vocifera di somme ingenti per l’autodromo "

18 mag 2022
marco galvani
Politica
La Villa Reale aspetta il recupero completo, in alto Bianca Montrasio
La Villa Reale aspetta il recupero completo, in alto Bianca Montrasio
La Villa Reale aspetta il recupero completo, in alto Bianca Montrasio
La Villa Reale aspetta il recupero completo, in alto Bianca Montrasio

Monza - La Villa dimenticata. Qualche appunto generico nei programmi elettorali o poco più. Solo "frasi fatte e brevi cenni di maniera". D’altra parte, invece, "si vocifera di somme ingenti destinate all’autodromo. E visto che non è ammissibile alcuna ulteriore cementificazione nel Parco e, anzi, sarebbe opportuna e possibile una forte ri-naturalizzazione di molte aree, è legittimo chiedersi a cosa queste somme sarebbero destinate". Bianca Montrasio, portavoce del Comitato per il Parco, è "preoccupata dal silenzio assordante sul complesso monumentale Villa Reale e Parco, di cui l’autodromo è ospite. Ed è quindi lecito temere che i progetti per ora immaginati siano, come nel passato, aggressivi rispetto al monumento". Ecco perché insieme con il Comitato La Villa Reale è Anche Mia, ha scritto una lettera ai nove candidati sindaco di Monza condividendo preoccupazioni e richieste. Partendo dai "ritardi accumulati nella presentazione del Masterplan per il restauro della Villa e del Parco, i cui possibili contenuti sono immersi nel silenzio più completo. Al punto di far temere che anche questo documento, la cui elaborazione è impropriamente sottratta ai compiti istituzionali del Consorzio Villa e Parco, possa rivelarsi come una minaccia piuttosto che come una speranza per il recupero di quella che fu la Imperial Regia Villa e Parco di Monza". Eppure liste e partiti candidati alle Amministrative del 12 giugno "ne parlano in maniera generica o non ne parlano affatto", nonostante siano scritti nero su bianco fin dagli anni Novanta "l’impegno alla conservazione permanente e alla destinazione ad attività museali, culturali, di rappresentanza e di fruizione e conservazione del verde" e la "indifferibile riqualificazione delle valenze storico-artistiche e culturali dell’eccezionale complesso Villa, Giardini e Parco Reale e conseguente allontanamento degli impianti non rispondenti a tale finalità". A cominciare dalla "demolizione delle curve sopraelevate e della pista di alta velocità, già prevista nella concessione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?