Claudio Arrigoni mostra la richiesta mandata dal Comune
Claudio Arrigoni mostra la richiesta mandata dal Comune

Ha venduto la casa a marzo dell’anno scorso, ma dopo 14 mesi il Comune non ha ancora aggiornato il dato e lui si è visto recapitare l’Imu da pagare. Claudio Arrigoni è vittima della lentezza della macchina burocratica. "A marzo 2019 ho venduto la mia casa di Villasanta e l’ho immediatamente comunicato l’atto anche in Comune, con tanto di documentazione del notaio. Ho consegnato tutto all’Urp che, protocollato l’atto, ha girato la comunicazione agli uffici di competenza - spiega -. A giugno dello stesso anno ho pagato anche l’importo dell’Imu per i tre mesi di mia competenza".

Arrigoni pensava che tutto fosse sistemato, ma nelle scorse settimane gli è arrivata dal Comune la richiesta di pagare quei 128 euro di Imu già pagati per quella casa venduta oltre un anno fa. L’uomo, basito, ha subito preso carta e penna e ha scritto in Comune, chiedendo non solo delucidazioni in merito all’errore, ma anche che la vendita della sua casa venisse aggiornata. "È inutile allegare un modello F24 per il pagamento di una tassa già pagata, e una lettera in cui si dice se ci sono errori vanno comunicati". Arrigoni il 9 giugno ha inviato un’email in Comune per denunciare il fatto e chiedere che il problema venisse risolto ma, a ieri, non ha ricevuto alcuna risposta.