Saluti da... Monza. Gli auguri scritti a mano. Tornano le cartoline

Dal salotto della città l’iniziativa dell’imprenditore Matteo Perego: "Messaggini ed emoticon hanno tolto la magia di spedire un pensiero".

Saluti da... Monza. Gli auguri scritti a mano. Tornano le cartoline

Saluti da... Monza. Gli auguri scritti a mano. Tornano le cartoline

Nel tempo in cui gli auguri di Natale viaggiano su WhatsApp con messaggi e immagini preconfezionate, torna l’antica tradizione di spedire una cartolina con gli auguri scritti a mano. È la nuova proposta di Amerigo Concept Store, anima del Carlo Alberto District. "In un’epoca in cui i messaggi digitali sembrano aver monopolizzato il mondo degli auguri natalizi – racconta il titolare, Matteo Perego – vogliamo lanciare una sfida alla convenzione moderna, proponendo un’esperienza unica e tangibile di connessione tra il gesto scritto e gli auguri.

La prima di una serie di cartoline postali dal design esclusivo è pronta a sorprendere gli appassionati del Natale che verrà riformulata anche a Pasqua e prima delle vacanze, così da dare vita a una collezione di cartoline da conservare". L’idea è semplice, ma rivoluzionaria: scrivere gli auguri di Natale a mano, con una penna e inviarli via posta utilizzando le vecchie e affascinanti cartoline, per fare un passo indietro nel tempo, riscoprendo il piacere della scrittura e dell’invio postale, con tanto di francobollo. Quindi Amerigo Concept Store spedirà gli auguri a circa 400 clienti e conoscenti utilizzando le cartoline illustrate da Indipendent Republic che realizza Pop art a partire da opere celeberrime. Per la strenna natalizia, l’immagine simbolo sarà quella della Venere di Milo, rivisitata in chiave pop, a cui viene aggiunta una massima, rigorosamente scritta a penna, fra alcune prescelte, come “La bellezza salverà il mondo“. L’intenzione è di portare uno stimolo felice per gli auguri di Natale: “L’arte è il linguaggio della bellezza che parla direttamente al cuore“ oppure “La bellezza non è che una promessa di felicità“. Tutto è partito per scherzo, come sottolinea l’ideatore, per diventare un’occasione di dedicarsi e dedicare alcuni minuti e non solo un clic, a formulare un pensiero unico e irripetibile per un amico o una persona cara. In più, tutti i visitatori della galleria d’arte di via Carlo Alberto riceveranno in regalo una cartolina postale per scrivere il proprio messaggio di auguri di Natale, a mano, e inviarlo tramite il servizio postale.

"Scriviamo sempre tutto in digitale e non siamo più capaci di scrivere a mano – riflette Perego –, ho dovuto riprendere l’alfabeto per fare memoria di come si facessero le “f“ in corsivo, chi se le ricorda? Oppure le “z“ maiuscole e le “q“ in corsivo. Anche i nostri clienti si sono lasciati stimolare dalla proposta e qualcuno ha recuperato le penne stilografiche per scrivere i biglietti di auguri. È un modo per recuperare antiche manualità perdute: la stilo con i suoi chiaroscuri, creati imprimendo più o meno pressione sul foglio". Chi è artista aggiunge un disegno. Chi è poeta, dei versi di suo pugno. Ciascuno poi ci mette del suo. È il caso dell’architetto Felice Terrabuio (promotore del Micro Museo Monza - MiMuMo) che ha preso una quarantina di biglietti e li ha ulteriormente personalizzati con disegni a mano libera, ispirati alle sue opere più recenti. Si va dall’Elogio allo scarabocchio al Terra memory, ai Coriandoli di vita, fino alle Bande di colore. A seguire, gli auguri, anch’essi personalizzati.