Quotidiano Nazionale logo
5 feb 2022

Pedemontana, gli ambientalisti: "I sindaci scendano in campo"

L’assemblea fissata in Provincia sul megacantiere in arrivo slitta fra le polemiche Appello ad aprire il confronto

monica guzzi
Cronaca
Il ritorno delle ruspe, al momento bloccate al Tar da un ricorso, è previsto fra un anno
Lavori per la Pedemontana

Monza, 6 febbraio 2022 - Salta l’assemblea dei sindaci su Pedemontana e scoppia il caso politico. Ad aprire il fuoco è il centrosinistra. "Avevamo chiesto un’assemblea dei sindaci - ricorda Vincenzo Di Paolo, capogruppo in Consiglio provinciale per il gruppo Brianza Rete Comune - per dare voce ai Comuni e approfondire la questione insieme a tutti i soggetti istituzionali, nel tentativo di sviluppare una strategia comune per la tutela del nostro territorio. Il Presidente aveva accolto la proposta e si era impegnato a convocare l’Assemblea, invitando i vertici della società Pedemontana".

Ma dopo settimane , in assenza di conferme di partecipazione da parte della Regione e di Autostrada Pedemontana Lombarda (Apl), l’assemblea è stata rinviata a data da destinarsi. "Sembra che i referenti della società abbiano chiesto il permesso all’assessora Claudia Terzi (Infrastrutture, ndr) per partecipare e che lei non abbia ancora dato una risposta" spiega Di Paolo. "Inaccettabile che l’atteggiamento dei vertici regionali generi ritardi e rinvii, di fatto bloccando l’attività politica delle istituzioni che rappresentano i cittadini", rincara Pietro Virtuani, segretario provinciale del Pd, sottolineando come il confronto sul cantiere in arrivo in Brianza sia " non più rinviabile". All’attacco anche gli ambientalisti, che chiedono ai sindaci di muoversi comunque.

"Stiamo assistendo ad un balletto di dichiarazioni, con Regione e società Apl che con giustificazioni surreali si sono sfilate, provocandone un rinvio a data da destinarsi, dalla partecipazione alla annunciata assemblea dei sindaci che il Presidente della Provincia aveva convocato - scrivono -. Eppure l’unico soggetto a cui spettano le decisioni su Pedemontana è quello politico ed è rappresentato dalla Regione e dai ministeri. Si prenda atto di questo e, se si vuol realmente il bene dei territori che si rappresentano, se si vuol veramente far valere le proprie posizioni, i sindaci si trovino attorno ad un tavolo, anche attraverso un’iniziativa propria ed autonoma, avanzando richieste condivise a Regione Lombardia. Si confrontino finalmente le differenti posizioni e si decidano azioni comuni".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?