Dan Daran Dan. Il rito delle caramelle lanciate dai balconi. Trecento bimbi in festa

Il chiassoso corteo ha raccolto i dolciumi al quartiere San Pietro. Anche i gestori cinesi del bar della piazza hanno voluto partecipare. Poi la visita tradizionale ai “nonnini“ ospiti della casa di riposo.

Dan Daran Dan. Il rito delle caramelle lanciate dai balconi. Trecento bimbi in festa
Dan Daran Dan. Il rito delle caramelle lanciate dai balconi. Trecento bimbi in festa

Il nuovo anno ha il sapore dolce. È quello delle caramelle e dei dolcetti che, a manciate, sono stati lanciati dalle finestre delle abitazioni del quartiere di San Pietro per la felicità di tutti i bambini. Anche quest’anno, nel giorno di Capodannno, si è così rinnovata la lunga tradizione del “Dan Daran Dan“, modo festoso di iniziare l’anno nuovo con il gesto del dono delle caramelle ai piccoli, che si tramanda di generazione in generazione. Quello che Halloween ha portato dalle nostre parti soltanto di recente, con la possibilità di scelta tra dolcetto o scherzetto, nel piccolo quartiere di San Pietro Martire, che da sempre si contraddistingue per il suo ambiente estremamente familiare, accade da decenni il giorno di Capodanno. Ora è una iniziativa all’insegna del volersi bene e del rendere felici i più piccoli. Una volta, invece, chi si mostrava un po’ tirchio di fronte ai ragazzi che si presentavano sotto la finestra per annunciare l’arrivo dell’anno nuovo, in cambio riceveva la sua buona razione di cori e veniva apostrofato da centinaia di persone con il termine di "pidocchio" o di "straccione". Il giorno di Capodanno tanta la generosità da parte delle famiglie del quartiere per una iniziativa che, cambiata un po’ nelle modalità, continua a esercitare il suo fascino. A sottolineare l’importanza di questa manifestazione, che fa riferimento alla cooperativa di San Pietro Martire e che trova piena collaborazione tra gli abitanti della frazione, anche la presenza della sindaca Alessia Borroni. Non solo: anche i cinesi che gestiscono il bar in piazza Verdi hanno voluto a loro volta partecipare regalando una grande quantità di caramelle e di dolciumi. Presenti, in tutto, un centinaio di bambini attrezzati con le borse per portare via la maggior quantità di caramelle.

A rendere l’atmosfera particolarmente festosa, oltre ai sorrisi dei partecipanti e a quelli delle persone affacciate alle finestre per lanciare caramelle, ha contribuito anche il corpo musicale “La Cittadina“, sempre pronto a garantire momenti di intrattenimento in occasione delle diverse iniziative che si svolgono nella frazione. Il Dan Daran Dan, però, al di là della bellezza della tradizione, è particolarmente amato perché mette insieme più generazioni. Tanti i genitori che hanno accompagnato i loro bambini ma, come sempre, anche questa volta l’iniziativa si è conclusa mettendo tutti d’accordo con la visita alla casa di riposo. Altri dolci per riempire le borse dei bambini, ma anche il desiderio di non lasciare mai soli gli anziani.