Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Bovisio si aggiudica 9 milioni del Pnrr per costruire la nuova scuola

Lo storico edificio di via Cantù sarà demolito e riedificato per rispondere alle moderne esigenze di efficientamento energetico

veronica todaro
Cronaca

di Veronica Todaro

Il Comune riceverà 9,236 milioni di euro per la costruzione della nuova scuola in via Cantù. È esattamente l’importo che l’amministrazione aveva richiesto, nell’ambito delle risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), per un importante intervento sull’edilizia scolastica: demolizione del vecchio plesso e costruzione di uno nuovo in grado di rispondere a tutte le esigenze, sia didattiche sia di efficientamento energetico.

La vecchia scuola costruita nel 1954, per 65 anni unico plesso del territorio cittadino, ha fatto la sua parte ma ora ha bisogno di essere riammodernata sotto tutti i punti di vista. Nell’ambito dell’edilizia scolastica sono soltanto tredici i progetti lombardi finanziati dal bando, di cui due in Brianza: quello di Bovisio e Vedano al Lambro per 6,3 milioni. "I bandi ci sono - commenta il sindaco Giovanni Sartori - ma per intercettare le risorse bisogna essere capaci. Non è un caso se Bovisio Masciago tra centro sportivo e scuola primaria è riuscito ad aggiudicarsi la bellezza di 14 milioni. Investimenti di questa portata, in un arco temporale così ridotto, non si erano mai visti. Bisogna avere l’idea giusta e tradurla in atti concreti nel modo migliore per vincere i bandi". L’avviso era stato pubblicato dal ministero dell’Istruzione all’inizio del mese di dicembre 2021. Lo stesso ministero specificava che "si intende procedere alla sostituzione di parte del patrimonio edilizio scolastico obsoleto con l’obiettivo di create strutture sicure, moderne, inclusive e sostenibili", "edifici "vivi" che ospitano attività anche in altri momenti della giornata".

E così sarà a Bovisio: la scuola verrà gradualmente abbattuta e ricostruita, senza interruzione per la didattica.

Per quanto riguarda il progetto, il primo passo, quello della scelta dei tecnici, è gestito direttamente dal ministero: la scadenza per l’affidamento dell’incarico è prevista per il 31 dicembre. Entro il mese di giugno 2023 è prevista la progettazione dei plessi scolastici, mentre l’aggiudicazione dei lavori deve avvenire entro settembre 2023, con avvio del cantiere entro il mese di marzo 2024.

I lavori devono concludersi entro il marzo 2026, con collaudo delle opere entro il mese di giugno dello stesso anno.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?