Shavon Shields, prova perfetta contro l'Efes
Shavon Shields, prova perfetta contro l'Efes

Milano- Una bella vittoria contro l'Efes Istanbul 98-75 è la degna conclusione per l'ottima regular season di Eurolega per l'Armani Exchange Milano che ritorna nell'elite del basket europeo. Addirittura partendo dal quarto posto con 21 vittorie in 34 gare, il che porterà i biancorossi a sfidare il Bayern Monaco del milanesissimo coach Andrea Trinchieri nel playoff al meglio delle 5 gare. Sognando Colonia, dove poi dal 28 al 30 maggio si giocherà la Final Four per vincere il titolo continentale.

Ottimi segnali di ripresa da parte di Shields che, dopo un periodo di annebbiamento, proprio in una gara importante risponde chiudendo con 8/9 da 2 e 1/2 da 3, seppur contro un Efes più attento a non farsi male in vista dei playoff piuttosto che voglioso di violare il Forum. Le note liete per i milanesi sono comunque tante: dal rientro sul parquet di Evans (5/5 da 2) e Delaney (7 punti in 16') , passando da un Rodriguez in formato regista premiato all'Oscar con 10 assist distribuiti, fino ad un atteggiamento concreto da parte di tutti con Punter solito bomber con 18 punti frutto di un 6/10 da 2 e 1/3 da 3. Coach Messina è ovviamente soddisfatto: "E' stata davvero una bella vittoria, è stato importante che nel terzo quarto quando loro hanno messo i più forti noi siamo riusciti lo stesso ad estendere il vantaggio. E' stata una regular season di grande livello, tutte le volte che abbiamo vinto in trasferta abbiamo guadagnato tanta fiducia. Grande importanza poi ci ha dato anche la vittoria in casa con il Real Madrid, con quella rimonta abbiamo capito che eravamo sulla strada giusta".

Proprio il pivot fa subito di aver recuperato, mettendo subito il punto esclamativo con tre schiacciate tonanti fino a lanciare l'AX al vantaggio in doppia cifra (29-19 al 10'). Poi è il turno di Shields che è letteralmente scatenato (6/6 al tiro al 13') fino a far volare Milano sul +15 (36-21). I milanesi mettono il pilota automatico e in attacco non sbagliano un colpo, ma lentamente anche l'Efes entra in partita, così all'intervallo la distanza rimane di 10 punti (49-39). L'unico spunto di reazione dei turchi è la tripla di Beaubois per il 55-48, ma Punter rimette tutto a posto con 8 punti quasi filati che ridanno serenità (65-50 al 27'). Lo slancio definitivo arriva con la tripla sulla sirena di Brooks per il +22 al 30' (78-56). L'ultimo quarto diventa pura accademia, anche se permane un po' di preoccupazione per un Datome che ha avuto un risentimento al polpaccio nel 1° tempo (Hines dovrebbe tornare a disposizione per la sfida di sabato 17 contro la Virtus Bologna). Domenica di nuovo in campo, a Brindisi alle 20.45, i milanesi dovranno difendere il loro primato in Serie A. 

ARMANI EXCHANGE MILANO-EFES ISTANBUL 98-75
29-19; 49-39; 78-56
MILANO: Punter 18, LeDay 15, Micov 10, Moraschini, Rodriguez 7, Tarczewski 4, Biligha 2, Delaney 7, Shields 19, Brooks 6, Evans 10, Datome. All. Messina
ISTANBUL: Larkin 6, Beaubois 15, Singleton 12, Balbay 4, Gecim 2, Sanli 2, Moerman 5, Tuncer 2, Pleiss 11, Micic 8, Anderson 6, Dunston 2. All. Ataman
Note: tiri da 2: MI 27/46, EI 18/35; tiri da 3: MI 10/20, EI 10/26; tiri liberi: MI 14/16, EI 9/11; rimbalzi: MI 31 (Evans 7), EI 26 (Moerman 5); assist: MI 19 (Rodriguez 10), EI 17 (Beaubois 5)