Quotidiano Nazionale logo
4 dic 2021

Troppa Inter per la Roma: 3-0, Calhanoglu segna dalla bandierina

A segno anche Dzeko (atteso ex) e Dumfries, al primo gol in nerazzurro

mattia todisco
Sport
Inter players celebrate the victory at the end of the Italian Serie A soccer match between Roma and Inter at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 04 December 2021ANSA/FABIO FRUSTACI
L'Inter ringrazia i tifosi

Roma, 4 dicembre 2021 - L'Inter espugna l'Olimpico per 3-0 chiudendo la pratica Roma già alla fine del primo tempo. Netto il dominio dei nerazzurri, a segno con Calhanoglu (15'), Dzeko (24') e Dumfries (39') e poi capaci di controllare la partita fino al triplice fischio.

Nella gara dei grandi ex (Mourinho da una parte, Dzeko dall'altra) gli ospiti recuperano Bastoni, Barella e Dzeko dal 1', mentre resta fuori Lautaro per far spazio a Correa. Il tecnico giallorosso si presenta con una formazione molto accorta. Un 5-3-2 in cui Ibanez viene schierato esterno, mentre davanti Zaniolo e Mkhitaryan supportano Shomurodov. Le scelte sono figlie delle tantissime assenze, tra infortuni e squalifiche.

Lo Special One, salutato da cori e striscioni dei vecchi tifosi, spera di sfruttare i contropiede, ma a tradirlo sono gli errori in difesa. Il gol di Calhanoglu arriva direttamente da calcio d'angolo, con il pallone che passa tra le gambe di Rui Patricio. Male la fase difensiva anche in occasione del raddoppio, un'azione in grande stile dei nerazzurri avviata e rifinita ancora dal centrocampista turco con l'assist per il bosniaco.

L'attaccante sfiora il bis personale dopo uno scambio con Correa e successivamente su un cross di Perisic (inzuccata alta). Dopo la mezzora diventa protagonista Dumfries: prima stoppa a pochi metri dalla propria porta una conclusione a botta sicura di Vina, subito dopo raccoglie il perfetto traversone di Bastoni sbucando alle spalle dell'avversario e infilando in tuffo.
Il secondo tempo diventa una formalità. La Roma non ha la forza per forzare i ritmi. Handanovic chiude la partita senza parate e anche Rui Patricio deve far poco per non subire ulteriori realizzazioni. Inzaghi fa ruotare i suoi giocatori, ma al 14' della ripresa deve sostituire Correa per necessità, invece che per scelta. L'argentino si ferma per un problema muscolare, rimpiazzato da Sanchez. I cambi di Mourinho (entrano i giovani Bove e Volpato) certificano le difficoltà di organico e il sotterramento dell'ascia di guerra.

ROMA-INTER 0-3 (0-3)
MARCATORI: pt 15' Calhanoglu, 24' Dzeko, 39' Dumfries.
ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Kumbulla (16' st Bove); Ibanez, Veretout, Cristante, Vina; Mkhitaryan, Zaniolo; Shomurodov. A disp. Boer, Fuzato, Calafiori, Villar, Reynolds, Ndiaye, Calafiori, Darboe, Zalewski, Diawara, Mayoral. All. Mourinho.
INTER (3-5-2): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, Bastoni (31' st Dimarco); Dumfries, Barella (14' st Vidal), Brozovic, Calhanoglu (39' st Sensi), Perisic; Correa (14' st Sanchez), Dzeko (31' st Vecino). All. Inzaghi.
ARBITRO: Di Bello.
NOTE: ammoniti Mancini, Ibanez, Zaniolo, Barella.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?