Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 gen 2022
stefania consenti
Economia
17 gen 2022

Salone del Mobile 2022 rinviato di due mesi: "A difesa del valore internazionale"

La presidente Maria Porro spiega così la scelta presa in condivisione con tutto il cda di Federlegno

17 gen 2022
stefania consenti
Economia
Primo giorno di apertura del 'Supersalone' del Mobile in fiera a Rho, Milano, 5 Settembre 2021.
ANSA/MATTEO CORNER
Il Supersalone del Mobile del settembre 2021
Primo giorno di apertura del 'Supersalone' del Mobile in fiera a Rho, Milano, 5 Settembre 2021.
ANSA/MATTEO CORNER
Il Supersalone del Mobile del settembre 2021

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Slitta di due mesi il Salone del Mobile di Milano, da aprile a giugno, esattamente dal 7 al 12. La decisione, che era nell’aria da giorni, è stata ratificata ieri dal cda di FederLegno in accordo con Fiera Milano. Una scelta quasi obbligata alla luce dell’attuale situazione pandemica, finalizzata a preservare "il valore della manifestazione" che festeggia la sua sessantesima edizione. "La decisione di posticipare l’evento consentirà a espositori, visitatori, giornalisti e all’intera community internazionale dell’arredamento e del design di sfruttare al meglio e in piena sicurezza le potenzialità di una rassegna che quest’anno si presenterà ricca di novità e che, oltre a festeggiare un compleanno importante, punterà sul tema della sostenibilità, facendosi palcoscenico dei progressi fatti in quest’ambito da creativi, designer e aziende", ha spiegato Maria Porro, presidente del Salone del Mobile.Milano. "La data di giugno favorirà inoltre una forte presenza di espositori e operatori stranieri, da sempre punto di forza del Salone, e garantirà alle aziende partecipanti i tempi giusti per progettare al meglio la propria presenza in fiera che, come sappiamo, richiede mesi di preparazione, dall’ideazione all’allestimento finale. La voglia di Salone è sempre più forte, per questo stiamo lavorando a un evento che offrirà a tutti la possibilità di vivere un’esperienza unica, concreta ed emozionante. Tutti abbiamo tanta voglia di Salone", conclude Maria Porro.

E, dal canto suo, il presidente di FederLegno Claudio Feltrin ha fatto notare come "preservare il valore internazionale del Salone del Mobile, la fiera del design più importante al mondo che ha proprio nell’export il suo core business, significa infatti consentire alle nostre aziende di incontrare clienti già acquisiti e potenziali, creando i presupposti affinché le nostre esportazioni continuino a crescere - prosegue - In tal senso, la forza propulsiva di una fiera come il Salone del Mobile, non ha uguali". E non poteva infatti anche mancare il ringraziamento a Fiera Milano "per la disponibilità nell’aver individuato una nuova data nel suo già fitto calendario". Luca Palermo, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano, si è detto infatti subito pronto al cambio di data e ad ospitare la manifestazione a giugno, "orgogliosi perché nei nostri spazi espositivi, tra gli stand del Salone, ci sarà l’Italia del presente e del futuro".

"L’edizione dello scorso settembre ha sancito la ripartenza del sistema fieristico - prosegue - Vogliamo che questa sia l’edizione della conferma della rinascita del Paese. Il Salone del Mobile di Milano si svolgerà nel pieno rispetto delle regole e dei protocolli sanitari emanati a livello nazionale. Fiera Milano vuole continuare ad essere un modello di riferimento per il settore e per il business delle imprese". D’altronde a dicembre, prima della pausa natalizia, l’adesione delle aziende era già alta, con moltissimi slot già prenotati. E parliamo degli spazi consueti, molto grandi, che consentiranno alle aziende italiane di mostrare tutte le novità del settore. Centrale e forte resterà il rapporto con la città di Milano e naturalmente con le sue istituzioni culturali, prime fra tutte la Triennale.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?