Le notti bianche delle Colonne; sopra, il video choc con le bottigliate
Le notti bianche delle Colonne; sopra, il video choc con le bottigliate

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Le Colonne di nuovo al centro delle polemiche per una deriva violenta e incontrollata, che sfida regole e coprifuoco. Dopo i pitbull aizzati contro i carabinieri e le notti alcoliche che degenerano in rissa, sabato sera una lite è finita con l’accoltellamento di un giovane, italiano, di 26 anni. A pochi minuti da mezzanotte, dopo una guerriglia con sassi e bottiglie, le Colonne tornano ad essere una zona franca e va in scena l’ennesima aggressione.
Una lite, scambi di parole, uno sguardo di troppo, futili motivi, spiegano dalla Questura. Non c’è un motivo preciso che fa scattare la scintilla, se non l’alcol e forse qualche spinello di troppo. Così uno aggredisce l’altro, comincia il primo e la girandola di botte e insulti non si ferma più. Sono almeno 500 sulla piazza e all’interno di un gruppetto spunta un taglierino, così un 26enne rimedia una coltellata nell’addome.
Comincia il fuggi fuggi generale, alcuni si fanno largo e cercando di scappare in sella alle bici per evitare i controlli, il giovane ferito è a terra, qualcuno chiama la polizia e il 118. Quando i soccorsi arrivano, le condizioni della vittima sembrano gravissime, non è cosciente, viene portato in codice rosso al Policlinico. Nelle ore successive le sue condizioni migliorano e viene dimesso con una decina di giorni di prognosi. Per ora non ci sono persone denunciate, non è stato possibile identificare i giovani coinvolti nella rissa, perché all’arrivo delle Volanti erano già tutti fuggiti. Gli investigatori valuteranno l’ipotesi di visionare le immagine delle telecamere, ma sarà difficile riuscire a riconoscere qualcuno.
L’aggressione di sabato notte riapre però il dibattito sull’emergenza movida violenta e sulla necessità di trovare velocemente una soluzione per evitare che le risse, le guerriglie, i lanci di bottiglie si ripetano ogni sera (come dimostra un video postato sul profilo “Milano bella da Dio”). E il dibattito si fa anche politico sull’escalation di violenza incontrollata. "Che cosa aspetta Sala a firmare un’ordinanza che vieti di consumare e portare le bottiglie fuori dai bar? Lo avevamo vietato e per far rispettare l’ordinanza avevamo organizzato rigidi controlli della polizia locale. Chiudono i bar e i locali se non vengono osservate le prescrizioni anti Covid, ma si concede a questi balordi di fare guerriglia ogni notte alle Colonne, a due passi dal Duomo", dice in una nota l’assessore regionale alla sicurezza, Riccardo De Corato.