Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 set 2021

Bareggio, in vacanza con amici a Rimini, prende il Covid e muore

Aveva contratto il virus mentre era in Romagna con altri coetanei. Molti i contagiati nel gruppo tra cui dieci riaccompagnati a casa in ambulanza

30 set 2021
giovanni chiodini
Cronaca
Il sindaco Sante Stangoni e, sotto, un’operatrice sanitaria
Covid, un'operatrice sanitaria
Il sindaco Sante Stangoni e, sotto, un’operatrice sanitaria
Covid, un'operatrice sanitaria

di Giovanni Chiodini Non ce l’ha fatta uno degli anziani che ha contratto il Covid mentre era in vacanza a Rimini con altri coetanei di Bareggio e Cornaredo. L’uomo era affetto da altre patologie e l’aggravamento delle sue condizioni, nonostante si fosse regolarmente vaccinati, gli è stato fatale. L’infezione ha colpito la gran parte dei 54 partecipanti alla vacanza, una decina dei quali, nel rispetto dei protocolli Covid, erano stati riaccompagnati a casa in ambulanza. Gli altri che avevano solo lievi sintomi sono tornati in pullman. "Questo accade perché comunque c’è tra i vaccinati una percentuale di persone che si infettano nuovamente se vengono in contatto col virus - afferma Antonio Mazzone, primario di medicina all’ospedale di Legnano -. Purtroppo non ci sono ancora dei dati di confronto tra l’immunità naturale derivante dall’aver contratto il Covid e quella da vaccino. Dati che le organizzazioni deputate al controllo dovrebbero rendere noto a breve. L’unico modo che oggi abbiamo per capirlo non sono gli anticorpi ma il tampone molecolare". Mazzone sostiene la tesi che aver vaccinato le persone che hanno avuto il Covid "non è stata una bella idea", anche se questo esula dall’obiettivo primario, che quello di vaccinare tutti. "C’è un lavoro nostro che dimostra come in questa Asst su 120mila tamponi e 16mila malati di Covid a distanza di un anno si è reinfettato solo lo 0,07%, solo 5 persone. Questo significa che l’immunità indotta dal virus è una immunità potente. Non è solo una immunità anticorpale ma anche cellulomediata. C’è uno studio internazione, peraltro condotto da un professore italiano di Immunologia clinica a Los Angeles, che dimostra come a nove mesi dall’infezione tutti i linfociti che riconoscono il virus sono ancora presenti nelle persone che hanno avuto il Covid. Comunque per capirci qualcosa di più, come per tutte le patologie ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?