Il Bus “a chiamata“ accorcia le distanze

A Vimodrone è partito il servizio "ChiamaBus", con cento fermate personalizzate e collegamenti ai mezzi pubblici. Un'opportunità per gli anziani e chi preferisce non usare l'auto. Accessibile a tutti, con prenotazione fino a mezz'ora prima della partenza.

Il Bus “a chiamata“ accorcia le distanze

Il Bus “a chiamata“ accorcia le distanze

Cento fermate possibili che si aggiungono a quelle fisse e più collegamenti fra quartieri e le stazioni della metropolitana. La rivoluzione del trasporto pubblico, "ChiamaBus", pullman personalizzati, scattata da un paio di settimane, sbarca nei quartieri a Vimodrone. Amministratori e personale Atm, che si occupa del servizio, hanno cominciato un tour in città per far conoscere la nuova opportunità. Primo appuntamento a Cascina Tre Fontanili, al Centro anziani, uno dei gruppi più frequentati e più interessati dal cambiamento. "Sono proprio gli “over“ a poter trarre da questo esperimento i maggiori vantaggi – spiega il sindaco Dario Veneroni – perché grazie a questa iniziativa potranno spostarsi in autonomia. Abbiamo spiegato nel dettaglio come utilizzare la novità al meglio".

Il progetto che coinvolge anche Segrate e Peschiera sta tutto nel modo in cui cambia la prestazione: grazie all’app, o chiamando il numero di telefono (02/48034803) si possono scegliere giorno, orario, punto di partenza e d’arrivo. "Un piano tagliato su misura per chi non ha la macchina o non la vuole usare", aggiunge il primo cittadino. "È un servizio complementare con le stesse tariffe di quello tradizionale – sottolinea l’assessore alla Mobilità Andrea Citterio –. Grazie a questa iniziativa accorciamo le distanze con gli scali del metrò e gli altri Comuni e anche fra i nostri rioni".

"Così ritroviamo la nostra indipendenza", dicono i nonni pronti a salire a bordo. I nuovi mezzi con livrea gialla collegano i tre centri con gli hub della M2, M3, il capolinea M4 di Linate, importante snodo strategico dal quale raggiungere dall’aeroporto il centro di Milano in meno di un quarto d’ora, e con la stazione ferroviaria di Segrate.

È possibile riservare i posti per quattro persone al massimo. Il viaggio si può prenotare a partire da sette giorni fino a mezz’ora prima della partenza. I bus sono allestiti per permettere l’accesso a bordo anche di persone con disabilità o difficoltà motorie. Il percorso potrà essere modificato o cancellato in qualunque momento. Sarà sufficiente utilizzare il biglietto o l’abbonamento Stibm (che comprende la Zona Tariffaria Mi3). Tutte le informazioni sul sito web www.atm.it o sulla app.

Bar.Cal.