Contratto e stipendi. Educatrici in presidio

Nido di Sesto San Giovanni chiude per assemblea sindacale il 21 giugno. Educatori chiedono miglioramenti contrattuali e salariali alla Fondazione Generiamo. Sciopero bloccato, nuova data in attesa.

Contratto e stipendi. Educatrici in presidio

Contratto e stipendi. Educatrici in presidio

"Si comunica che il giorno 21 giugno il nido chiuderà alle 13, 30 per assemblea sindacale", si legge sui manifesti appesi sulle vetrate. "Sosteneteci in presidio! Partecipate numerosi per far valere i diritti delle lavoratrici di Fondazione Generiamo", dice il foglio accanto con l’appello delle educatrici che venerdì dalle 14,30 alle 16,30 saranno in piazza della Resistenza, sotto il Municipio, per chiedere quello che finora non è stato concesso: un miglioramento delle condizioni contrattuali e salariali. "Chiediamo da almeno due anni di affrontare il tema del salario e fino a oggi non ci sono state mai risposte. Per noi è inaccettabile che alcune lavoratrici abbiano diritti diversi a fronte di una mansione identica, svolta dalle colleghe nei nidi che sono rimasti a gestione diretta del Comune - spiega Alexandra Bonfanti della Fp Cgil -. Anche in Prefettura non è stato quantificato il possibile incremento su cui Fondazione ha dato un’apertura né sono stati chiariti i tempi, lasciati in sospeso con un generico “entro fine anno”". La Fondazione è nata nel 2019 per gestire alcuni nidi comunali.

È stato invece bloccato dalla commissione di garanzia lo sciopero del 27 giugno, sempre proclamato dalla Cgil per il personale dei nidi di Generiamo. La data scelta è troppo vicina a quella della mobilitazione nazionale per il personale docente e Ata della scuola e di tutto il comparto educativo dei servizi all’infanzia, proclamato dalla sigla Csle per il 28 giugno. Per legge devono passare infatti almeno 10 giorni, rispettando la "regola della rarefazione oggettiva". "Decideremo una nuova data". La.La.