Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 mar 2022

Blitz antispaccio sui Navigli: identificati anche minorenni

21 mar 2022
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana
I carabinieri in Darsena. durante i controlli nel fine settimana

MILANO

Una notte di controlli in una delle zone della movida milanese, quella dei Navigli. Nella notte fra sabato e domenica cento militari sono stati impegnati nel pattugliamento delle vie più frequentate, nel sud Milano, dove sempre più spesso avvengono rapine e aggressioni tra giovani e dove è sempre più diffuso il fenomeno dello spaccio. Con l’obiettivo di contrastare i reati contro il patrimonio e la persona e quelli connessi allo spaccio di stupefacenti sono stati fermati e identificati oltre cento ragazzi, alcuni dei quali minorenni, molti dei quali con precedenti di polizia. Tra questi uno studente incensurato è stato denunciato in stato di libertà perché trovato in possesso di un coltello a serramanico di lunghezza complessiva di 21 centimetri, di cui non ha saputo spiegare provenineza e eventuale utilizzo.

Destinatario di un’altra denuncia per contrabbando di tabacchi lavorati esteri è stato uno straniero trovato in possesso di numerose stecche di sigarette, che cercava di vendere in nero fuori dai locali e sulla piazza.

Inoltre tre giovani frequentatori della movida milanese fra i 19 e i 34 anni sono stati segnalati alla Prefettura per possesso di modica quantità di stupefacente, droga ritenuta sufficiente per uso personale.

Durante i controlli alla circolazione stradale sono state elevate sanzioni al Codice della Strada.

Infine, con il supporto del Nas sono stati controllati esercizi pubblici e di somministrazioni di bevande che hanno consentito di elevare sanzioni amministrative pari a 4.000 euro per inosservanza delle più elementari norme igienico sanitarie nella conservazione e somministrazione dei cibi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?