Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 mag 2022

Mantova, terremoto dimenticato: 10 anni dopo ferita sanata. "Spesa che sfiora il miliardo"

Nessun morto ma paesi distrutti, ora bilancio positivo. "Manca solo il 2% dei lavori"

20 mag 2022
tommaso papa
Cronaca
La cronaca del Giorno del 21 maggio 2012 per il sisma che colpì l’Emilia e il Mantovano La scossa fu avvertita distintamente a Milano
La cronaca del Giorno del 21 maggio 2012
La cronaca del Giorno del 21 maggio 2012 per il sisma che colpì l’Emilia e il Mantovano La scossa fu avvertita distintamente a Milano
La cronaca del Giorno del 21 maggio 2012

Mantova - Dieci anni fa , all’alba del 20 maggio 2012 (e poi con altre terribili repliche il 29 del mese) la Lombardia orientale venne scossa da un sisma di potenza distruttiva inattesa. Come in Emilia Romagna e in Veneto, la paura e le devastazioni sconvolsero una fetta di Pianura Padana che sembrava immune da questo genere di rischi. Per fortuna, però, non ci furono morti e così quello dell’area settentrionale del cratere sismico, coincidente con il Mantovano, è divenuto il ‘terremoto dimenticato. Mediaticamente almeno, perché nei fatti anche il territorio lombardo può guardare con soddisfazione al decimo anniversario di quel dramma. Nelle ore in cui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, porta la propria testimonianza alle popolazioni del Modenese, le più colpite, arriva il bilancio del lavoro fatto da Regione e Comuni in terra lombarda. Ed è un bilancio lusinghiero, quello presentato dai vertici regionali, con a capo il governatore Attilio Fontana, dalla commissaria all’emergenza Alessandra Cappellari e da Roberto Cerretti, che ha guidato la squadra tecnica per la ricostruzione. Molto è stato fatto, dicono i mnumeri, anche resta molto altro. Su un totale di 3.156 istanze presentate per ottenere il risarcimento dei danni, i tecnici regionali hanno completato 3.122 istruttorie, pari al 98,6% delle domande. Meno del 2% delle pratiche è ancora in sospeso. Tradotto in soldoni, il terremoto lombardo è costato 900 milioni di euro (qualcosa come circa 2mila miliardi di vecchie lire). Qualità e tempi della spesa in questo decennale non sono stati uguali per tutti. La ricostruzione è iniziata mettendo al primo posto i privati, quelli che avevano perso la casa, o l’ambiente fisico di lavoro o entrambi. Poi sono venuti i sostegni alle aziende e, infine, in ordine di tempo, gli interventi sugli enti pubblici dove la trafila burocratica che precede i lavori era più ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?