Mantova, anziano affida il suo cane al rifugio perché deve operarsi. Ma non può riaverlo

L’uomo fa un appello al canile: “Ridatemi Sole, sono disperato”. Il sindaco sta cercando di trovare una mediazione

Cane meticcio in una foto di archivio (L.Gallitto)

Cane meticcio in una foto di archivio (L.Gallitto)

Mantova, 21 agosto 2023 – “Ridatemi il mio cane”. È l'appello di Franco Guernieri, un pensionato di 84 anni, al canile di Mantova, a cui lui stesso si sarebbe rivolto per far accogliere il suo Sole, un meticcio, perché doveva sottoporsi a un intervenuto chirurgico e, di conseguenza, impossibilitato a prendersi cura dell'animale. Una volta dimesso, però, non avrebbe più potuto riprendersi il suo fedele amico. E ora è disperato.

L’intervento chirurgico

Guernieri doveva essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e non sapeva come accudire Sole, il suo meticcio di 6 anni, un incrocio tra un labrador e un bracco. Così lo avrebbe portato al rifugio, probabilmente convinto di poterlo riavere presto, ma ora il suo quattrozampe non può più tornare a casa con lui. Stando a quanto riportato dall'Ansa, i gestori avrebbero spiegato che l'uomo avrebbe firmato “una cessione di proprietà perché non era in grado di seguirlo". Eppure Franco va ogni giorno in canile e spera di rivedere Sole.

Leggi anche: La storia di Jola: tanti cuccioli poi scopre il mondo e l’affetto

“Sarei tornato a prenderlo”

Fino a quando c'era la moglie, l’84enne viveva in una cascina di campagna dove teneva molti cani; una volta rimasto vedovo, senza figli e parenti si era trasferito con Sole in paese a Bagnolo San Vito, a pochi chilometri da Mantova. Quando ha dovuto entrare in ospedale c'era il problema di chi si sarebbe occupato del cane: “Mi è stato consigliato di rivolgermi al canile di Mantova - avrebbe spiegato l’uomo - e io l'ho fatto, ma sapevano benissimo che sarei tornato a prenderlo una volta che mi fossi stabilito”. E ora è disperato: “Ridatemelo, per me è come un figlio. Non è vero che non lo volevo più. Mi avevano fatto firmare frettolosamente delle carte, ma io mi ero rivolto a loro solo per un'ospitalità temporanea di Sole”.

Irremovibile il canile

Dal canile, però sono irremovibili: “Ha firmato una cessione di proprietà perché non era più in grado di seguirlo. È solo, è anziano e il cane è impegnativo. L'ha già fatto cadere una volta”. E sostengono di non essere mai stai messi a conoscenza dell'intervento chirurgico: “È stato lui stesso a pregarci di accogliere il cane perché non era più in grado di seguirlo. Dell'intervento chirurgico non ci aveva detto nulla. Abbiamo acconsentito facendo anche un'eccezione perché il pensionato risiede in un comune dell'hinterland e non nel capoluogo, che è di nostra competenza. Umanamente siamo molto dispiaciuti, ma Franco sapeva ciò che stava firmando”. 

La storia, però, potrebbe avere un lieto fine. Il sindaco di Mantova, infatti, sta cercando una soluzione di mediazione tra l’anziano, che vuole trascorrere del tempo col suo Sole, e il canile, preoccupato per la sicurezza e il benessere dell’animale.