Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
4 apr 2022

"Brucia la “Casa dei disperati“" Scoperti sei senzatetto dell’Est

Scatta l’allarme in città per colpa del fumo. Il sindaco: "Cerchiamo. di aiutare queste persone"

4 apr 2022
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali
Il vicesindaco di Codogno, Raffaella Novati, con delega ai Servizi sociali

"C’è un incendio nella ditta abbandonata", ma in realtà è il fuoco di fortuna acceso da senzatetto. La segnalazione è arrivata sabato sera da via Mochi a Codogno dove, all’interno di ex cabine elettriche di una ditta in disuso, le forze dell’ordine hanno scoperto la presenza di clochard. Sei persone dei paesi dell’Est (nessun minorenne e nessuno in fuga dalla guerra), tra cui donne, romeni, serbi e croati, sono stati trovati e identificati dai carabinieri della Compagnia di Codogno e della stazione di Guardamiglio. Tutto grazie alla segnalazione di passanti che hanno notato fumo uscire dall’area. Il Comune, circa 3 anni fa, era intervenuto a ripulire e sgomberare altre aree vicine "ma qui, trattandosi di una ditta interessata da un fallimento, questo non è stato possibile" ribadisce il sindaco Francesco Passerini.

I senzatetto sono entrati senza autorizzazione e dopo l’identificazione, sono stati allontanati dai militari in attesa di un confronto con i Servizi sociali. E’ subito intervenuta la vicesindaco Raffaella Novati, assessore delegato, nel tentativo di cercare soluzioni. "Già in passato abbiamo cercato ricovero a senzatetto dei paesi dell’Est trovati in zona, ma hanno preferito scegliere diversamente. Cercheremo di capire come aiutare queste persone e se sono le stesse, dato che all’epoca non avevano fornito generalità ai servizi sociali" ribadisce. Paola Arensi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?