Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 giu 2022

Sei sacerdoti ordinati da Delpini Festa nelle parrocchie d’origine

Domani l’investitura dell’arcivescovo di Milano. E domanica celebreranno. la loro prima messa

10 giu 2022
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati
Don Gabriele Bof di Mornago è il più giovane tra i preti consacrati

Sono sei i sacerdoti nativi del Legnanese e del Varesotto che domani saranno ordinati dall’arcivescovo Mario Delpini. Tra di loro il più anziano e il più giovane del gruppo. Il più anziano è don Massimo Locatelli, 58 anni, nato ad Arluno (nono di undici figli) che, dopo l’università, si è trasferito a Paderno Dugnano e in questi anni ha lavorato in comunità e oratori. Il più giovane è Gabriele Bof di Mornago, 25 anni. Era entrato in seminario subito dopo aver concluso gli studi liceali ed avere avuto esperienze come educatore oratoriano.

È di Legnano don Matteo Bienati, 29 anni, cresciuto nella parrocchia di Santa Teresa, con esperienze in oratorio. Arriva da Bareggio, dalla parrocchia Madonna Pellegrina di San Martino, don Francesco Turrini, 29 anni. Finite le scuole, con un diploma di termoidraulico in tasca, aveva iniziato a lavorare come manovale. Poi a 22 anni ha scelto di entrare in seminario.

Dalla provincia di Varese arrivano anche don Mauro Ambrosetti, 29 anni, della parrocchia di Biumo Inferiore. È laureato in scienze infermieristiche. E don Roberto Uboldi, 38 anni, di Tradate. Dopo l’università aveva iniziato la carriera di insegnante (prima alle elementari e poi alle medie e al liceo) ma poi la vocazione lo ha portato in seminario per la scelta di vita definitiva.

I nuovi sacerdoti, come da pressi consolidata nei secoli, domenica celebreranno la prima messa nella parrocchia d’origine.

Graziano Masperi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?