Bareggio (Milano), 13 aprile 2018 - Stava portando i soldi in banca, quando è stato avvicinato da un uomo che aveva tutta l’intenzione di derubarlo. O comunque di truffarlo. E ci è riuscito, trasformando però quello che era un furto con destrezza in una rapina impropria. L’altra mattina Giovanni Spata di 51 anni, il titolare della tabaccheria in via Girotti, era nella zona di via Roma. Si stava recando alla banca Intesa Sanpaolo per depositare il denaro, quando un uomo che trasportava la frutta lo ha affiancato. Era a bordo di un furgoncino con una donna. Ha abbassato il finestrino e ha iniziato a parlare con il tabaccaio dicendo che a breve avrebbe aperto un negozio di frutta proprio a Bareggio e che lui avrebbe sempre ricevuto un trattamento di favore. Fingendo poi anche di volergli regalare una cassetta di fragole. Spata non aveva tempo da perdere. Stava portando i soldi alla banca Intesa San Paolo, ma il suo interlocutore continuava a distrarlo. Ha continuato il discorso mettendogli in mano anche una cassetta di insalata, che avrebbe potuto avere in cambio di pochi soldi. E ci avrebbe aggiunto anche un paio di finocchi. A un certo punto si sarebbe accorto della presenza dei soldi e, sfruttando il fatto che il 51enne fosse carico di cassette che non gli consentivano di avere una buona visuale, ha preso la busta che conteneva il denaro si è diretto verso il furgone. Erano gli incassi degli ultimi giorni: oltre diecimila euro in banconote di vario taglio.

Il tabaccaio non si è dato per vinto. È partito immediatamente all’inseguimento del malvivente, entrando anch’egli nel furgone. Ne è nata una discussione accesa, ma alla fine il ladro è riuscito a scappare. E il tabaccaio ha riportato solo graffi. È stata allertata anche un’ambulanza, ma non ha trasportato nessuno. Tanto è bastato per far scattare le indagini da parte dei carabinieri di Bareggio e del Comando di Abbiategrasso per il reato di rapina impropria a carico del fruttivendolo. I carabinieri sono intervenuti immediatamente e stanno lavorando intensamente per assicurare alla giustizia i responsabili. Oltre alla persona che ha rubato materialmente la borsa c’era anche la donna sul furgone, che non ha mai proferito parola. Il malvivente sarebbe un italiano e ci sono già elementi per poterlo individuare.