Emergenza black-out: Oltrestazione ancora al buio e lampioni spenti in via Menotti

Non è stata mantenuta la promessa fatta da E-Distribuzione, gestore della rete elettrica dopo le continue interruzioni che avevano interessato zone di Legnano e un rione in particolare.

Lampioni spenti in via Menotti

Molti lampioni spenti in città

Doveva essere tutto risolto, perché le cause erano state ormai identificate e il sistema era stato adeguato: questa era stata la "promessa" fatta da E-Distribuzione, gestore della rete elettrica in città, dopo i continui black out che avevano interessato alcune zone di Legnano nei mesi scorsi e invece proprio negli ultimi giorni gli stessi problemi, localizzati in alcune aree specifiche, si sono di nuovo verificati attraverso interruzioni improvvise della corrente elettrica, oppure sotto forma di intere parti dell’illuminazione pubblica che, da qualche giorno, risultano spente.

A fare le spese di questa situazione è stato soprattutto il rione Oltrestazione, non nuovo a questo tipo di problemi: piazza del Popolo, via Cattaneo, via Volturno sono state al centro dei problemi di black out della rete, mentre in via Menotti le segnalazioni riferiscono di lampioni spenti ormai da giorni. A fine gennaio era stato un incontro tra gli amministratori legnanesi e i rappresentanti di E-Distribuzione a dare la speranza di un problema ormai superato.

"E-Distribuzione ha mostrato dati che provano come la qualità del servizio a Legnano rientra nei parametri dell’Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente (Arera) - avevano spiegato a margine dell’incontro i portavoce del Comune -. Tuttavia, tra dicembre e le prime settimane di gennaio si sono verificati guasti accidentali e straordinari fuori dalla media che, con l’ultimo intervento in corso in via Corridoni, possono dirsi risolti". Secondo i gestori della rete i problemi erano allora determinati in alcuni casi da guasti accidentali, nonché da cali di tensione riconducibili a disturbi generati da grandi impianti industriali utilizzatori di grandi quantità di energia e che hanno eseguito interventi negli ultimi mesi: dopo gli ultimi disservizi sarà il caso di mettersi di nuovo alla ricerca delle cause.