Quotidiano Nazionale logo
15 gen 2022

Merate, ritrovato il dipinto rubato 12 anni fa in Villa Confalonieri

Nell’estate del 2008 il quadro era sparito, insieme a una trentina di oggetti di valore, dall'ex sede municipale

daniele de salvo
Cronaca
Il sopralluogo degli uomini dell’Arma nel corso del 2008 quando dalla villa sparirono beni per un milione di euro
Il sopralluogo degli uomini dell’Arma nel corso del 2008 quando dalla villa sparirono beni per un milione di euro

Merate (Lecco) - Era stato rubato in una notte di mezza estate del 2008 e nessuno ormai sperava di poterlo di nuovo ammirare, anzi probabilmente nessuno se ne ricordava nemmeno più. Invece il prezioso quadro d’epoca trafugato ormai 12 anni e mezzo fa dall’ex sede municipale di Villa Confalonieri a Merate è stato recuperato. Lo hanno ritrovato i carabinieri del Nucleo Tutela patrimonio artistico di Roma durante un’operazione che ha permesso di catturare alcuni trafficanti d’arte: presto lo restituiranno ai meratesi a cui appartiene. Ad annunciarlo è stato ieri il sindaco Massimo Panzeri, in occasione dell’inaugurazione di una mostra allestita nell’ex palazzo comunale che segna la riapertura della storica dimora. 

"Si tratta di una splendida notizia che ci permette di riscoprire e apprezzare maggiormente le bellezze del passato custodite in Villa Confalonieri nel momento in cui tra l’altro inauguriamo una mostra con nuove opere d’arte". Il ritrovamento del quadro, che è un olio su tela, risale a qualche mese fa: gli investigatori del Nucleo Tpa sono riusciti a scoprirne la provenienza tramite la banca data dove vengono inseriti i dettagli e, se disponibili del foto, di tutti i reperti artistici rubati, un databese unico al mondo.

"Per un ulteriore riconoscimento la responsabile del nostro Uffici tecnico è stata anche convocata direttamente a Roma e ha confermato che effettivamente si tratta dell’opera rubata a Merate – prosegue il sindaco -. Una volta terminate tutte le pratiche legali e burocratiche ci verrà restituita e potrà così tornare al suo posto". Il dipinto era stato rubato insieme ad un’altra trentina di oggetti di valore storico e culturale: quattordici sedie, sei consolle, altri quattro quadri, tre cassapanche, due tavoli, altrettanti tavolini e una cassettiera d’antiquariato dal valore complessivo al mercato nero di più un milione di euro.
Dove siano finiti questi ultimi pezzi tuttavia al momento non si sa, perché non sono stati ancora ritrovati a differenza della pittura ad olio su tela recuperata. La collezione di cui facevano parte molto probabilmente è stata infatti smembrata. Non era nemmeno la prima volta che Villa Confalonieri, che nel 2008 era ancora il municipio, veniva depredata dai soliti ignoti: era già accaduto nel 1995 durante una razzia ancora più ingente.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?