Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 giu 2022

Poste Italiane, 15mila dipendenti: "Questa regione è strategica"

Investimenti per 3 miliardi e un indotto in crescita per le ricadute sui territori con 1.800 uffici

22 giu 2022
Lavorazione dei pacchi di corrispondenza in uno dei centri di smistamento di Poste Italiane I principali in Lombardia sono Roserio e Peschiera Borromeo
Lavorazione dei pacchi di corrispondenza in uno dei centri di smistamento
Lavorazione dei pacchi di corrispondenza in uno dei centri di smistamento di Poste Italiane I principali in Lombardia sono Roserio e Peschiera Borromeo
Lavorazione dei pacchi di corrispondenza in uno dei centri di smistamento

Milano - Un miliardo di prodotto interno lordo, circa 16mila posti di lavoro e mezzo miliardo di euro di stipendi distribuiti ai lavoratori dell’area Nord-Ovest, che comprende Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, prima in Italia per il contributo all’economia locale. Non è una multinazionale del digitale, ma Poste Italiane, che fa i conti sul proprio radicamento territoriale e sugli effetti che portalettere e uffici postali hanno sulla Lombardia e non solo. L’impatto economico generato dai fornitori italiani usati in questi territori dalle Poste Italiane è fra i dati significativi raccolti nella relazione finanziaria del 2021 che stima, tra le altre cose, gli impatti economici complessivamente generati dall’azienda in ogni singolo territorio. Poste Italiane , primo datore di lavoro del Paese, con 15.000 dipendenti in Lombardia, grazie alla sua leadership nei settori della logistica, finanziario, assicurativo e dei servizi di pagamento crea valore economico a livello locale e nazionale, producendo ricchezza e occupazione in tutta la catena di fornitura locale. In particolare, "l’attività svolta nelle quattro regioni genera ritorni diretti e strettamente legati all’attività economica del gruppo, perché richiede l’acquisto di beni e servizi prodotti da altre imprese e permette alle famiglie del personale impiegato in tutta la catena di fornitura di acquistare a loro volta nuovi beni e servizi", spiega la società che quest’anno celebra i suoi 160 anni di vita, per lungo tempo passati come amministrazione dello Stato. Negli ultimi tre anni gli impatti complessivi sono di oltre 37 miliardi a livello aggregato, pari a circa il 2% annuo, soldi che hanno creato 187mila posti di lavoro. Risultati resi possibili grazie alla solida infrastruttura su cui poggia l’Azienda che, solamente in Lombardia, può contare su più di 1.800 Uffici Postali, 2 Centri di Smistamento (Peschiera Borromeo e Roserio, nel Milanese), 3 Centri di Scambio Internazionale (Malpensa, Lonate Pozzolo, nel ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?