Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
4 mar 2022

Virus sinciziale: cosa dice lo studio sull'anticorpo monoclonale

I risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine

4 mar 2022
Ambulatorio Pediatrico - Pediatra - pediatria - medico -dottoressa
Acerboni/FotoCastellani
Pediatra (foto di repertorio)
Ambulatorio Pediatrico - Pediatra - pediatria - medico -dottoressa
Acerboni/FotoCastellani
Pediatra (foto di repertorio)

Milano - I bambini potrebbero presto avere a disposizione un anticorpo monoclonale che protegge dal virus respiratorio sinciziale (RSV), una delle malattie più comuni nell'infanzia che può causare polmonite nei bambini, portando al ricovero in ospedale. L'RSV rappresenta 29mila ricoveri e 80 decessi tra i bambini sotto i cinque anni nel Regno Unito all'anno e 58mila ricoveri e 500 decessi tra i giovani negli Stati Uniti. I risultati delle prove di fase tre sono stati descritti come un "cambiamento di paradigma" dagli esperti che hanno condotto gli studi. Il nuovo preparato sarà commercializzato, per ora non lo è, da Astrazenca e Sanofi con il nome Nirsevimab.  Risulta efficace al 74,5% nell'impedire ai bambini il bisogno di cure mediche. Il farmaco viene somministrato in dose singola e la protezione dura cinque mesi, una stagione completa di RSV. Il virus respiratorio sinciziale (RSV) e' un virus molto comune con cui quasi tutti i bambini vengono infettati all'età di due anni. Nei bambini piu' grandi e negli adulti, l'RSV può scatenare raffreddori e tosse, ma può causare bronchiolite nei bambini piccoli. L'RSV provoca sintomi simili al coronavirus ed è una delle principali cause di ricovero tra i bambini nel Regno Unito. I bambini rimangono infettivi per un massimo di tre settimane, anche dopo la scomparsa dei sintomi. Non esiste attualmente alcun vaccino per la popolazione generale, nonostante decenni di ricerca. Gli studi clinici di fase tre hanno reclutato 1.490 bambini sani negli Stati Uniti e in Sud Africa di età pari o inferiore a un anno e che stavano entrando nella loro prima stagione di RSV, che va da ottobre a marzo nel Regno Unito. A due terzi dei bambini è stato somministrato il Nirsevimab, mentre a un terzo è stato somministrato un placebo. Nirsevimab contiene anticorpi monoclonali a lunga durata d'azione,offrendo una protezione rapida e diretta contro le malattie. I risultati, pubblicati sul New England Journal of Medicine, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?