Clara Ceccarelli aveva 69 anni
Clara Ceccarelli aveva 69 anni

Genova, 19 febbraio 2021 - "Si erano lasciati da alcuni mesi. Lui le telefonava sempre, prima le rubava in casa. Gliene aveva fatte tante e lei non poteva più sopportare". Così una cugina di Clara Ceccarelli, la donna uccisa nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova, ha parlato dell'ex compagno della donna appena arrivata sul luogo del delitto. "L'avevo vista oggi - ha continuato la parente - ed era tranquilla". A quanto si apprende, la donna è stata colpita con almeno due coltellate che l'hanno raggiunta al collo e all'addome. Sembra che alcuni passanti abbiano visto un uomo fuggire dal negozio e abbiano cercato di fermarlo. Sull'omicidio sta indagando la polizia. Gli agenti hanno blindato la città, la caccia all'uomo sta andando avanti da ore. 

"La conoscevo da una vita, eravamo amiche. Io abito qui davanti. Tanti anni fa avevo il bar in piazza Colombo e lei lavorava in una profumeria, ci siamo conosciute lì. Era vedova. Poi è venuta qui con questo compagno e dopo si sono lasciati. Ma lui gliene combinava di ogni colore, infatti aveva preso delle precauzioni qui al negozio". A parlare è la signora Gianna, che arriva in via Colombo intorno alle 19.30: guarda il nastro della polizia che chiude la strada davanti al negozio di Clara Ceccarelli, aggredita a coltellate e uccisa poco prima. Non sa dell'accaduto, chiede informazioni dell'amica. E racconta ai giornalisti: "L'ho vista l'altro giorno, le ho chiesto come andava. 'Tutto bene', mi ha detto. Aveva assunto anche un ragazzo che le dava una mano in negozio. Le ho chiesto di lui. 'Non l'ho più visto', mi ha risposto".