Mentre in Gran Bretagna si registra un'impennata di contagi Covid, che potrebbe spingere verso una nuova stretta e in Cina la maratona di Wuhan viene rinviata a poche ore dal via a causa dell'aumento dei casi, in Italia la situazione resta sotto controllo. Oggi si sono registrati 3.725 positivi e 24 morti con un tasso di positività allo 0,9%. Non preoccupa invece il lieve aumento della curva epidemica registrato nei giorni scorsi e che, secondo gli esperti, potrebbe essere legato all'introduzione del Green pass obbligatorio dal 15 ottobre per i lavoratori. Oltre alla vaccinazione, per ottenere il certificato verde è necessario un tampone negativo che ha la validità di 48 ore, nell'ultima settimana si è così passati dai 274mila tamponi al giorno in periodo pre Green pass a una media giornaliera di oltre 471 mila. Di conseguenza sono emersi più casi di positività. La media degli ultimi sette giorni è di circa 3.100 nuovi casi al giorno, rispetto ai 2.500 di una settimana fa. Ma la situazione nei reparti rimane stabile e ampiamente sotto le soglie critiche, così come stabile resta il dato sui decessi. Merito anche della massiccia adesione alla campagna vaccinale, come ha sottolineato stamani il sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulè: "In Italia oggi l'86% dei cittadini è vaccinato. Il governo ritiene che solo grazie ai vaccini e quindi alla scienza si possa uscire definitivamente dalla pandemia". 

Bollettino Italia Covid / PDF

In calo oggi la curva epidemica in Italia, dopo la lieve crescita registrata nei giorni scorsi. Nelle ultime 24 ore sono 3.725 i nuovi contagi Covid contro i 3.908 di ieri, ma con un minor numero dei tamponi: 403.715 (ieri 491.574)  e un tasso di positività che sale allo 0,9% (+0,1%). Calano invece i decessi: oggi 24, contro i 30 di ieri, per un totale di 131.826 vittime dall'inizio dell'epidemia. Sul fronte della pressione ospedaliera sono 341 i pazienti ricoverati in Terapia intensiva, 3 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute sono 18 (ieri 20). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.473, diciotto in più rispetto a ieri.  I casi totali sono 4.741.185, mentre i guariti sono 2.940 (ieri 3.579) per un totale di 4.534.584. La regione con più casi oggi è la Campania (+467), seguita da Lazio (+459), Veneto (+398) e Lombardia (+393).

Contagi e decessi oggi in Lombardia

Sono 393 i nuovi positivi al Coronavirus in Lombardia, contro i 390 di ieri, a fronte di 94.483 tamponi effettuati, su un totale di 16.752.923 da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore ci sono stati 4 decessi, il doppio rispetto a ieri, quando si sono registrate due vittime in regione. Numeri che portano il totale dei morti da inizio pandemia a 34.141. Sul fronte della pressione ospedaliera, restano sostanzialmente stabili i ricoveri: 48 i posti letto occupati da pazienti Covid in Terapia intensiva, uno meno di ieri, e 276 negli altri reparti (-5), mentre in isolamento domiciliare ci sono 8.151 pazienti. I guariti/dimessi dall'inizio dell'emergenza sono 848.709 (+197). Gli attualmente positivi in totale sono 8.475 (+192). Tra le province lombarde la più colpita resta Milano, con 106 nuovi casi; seguono 64 a Varese, 42 a Bergamo e a Brescia, 33 a Como, 20 a Monza, 17 a Mantova, 12 a Pavia, 9 a Cremona, 8 a Lecco, 6 a Lodi e 2 a Sondrio.

La situazione nelle altre regioni

EMILIA-ROMAGNA - Sono 316  i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati in Emilia-Romagna nelle ultime ventiquattro ore su un  totale di 20.209 tamponi eseguiti. Dei nuovi contagiati 89 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di tracciamento e screening. Sul fronte territoriale la provincia di Bologna è in testa con 90 casi seguita da Ravenna (37), Reggio Emilia (35), Rimini (32), Modena (28), Forlì (23), Parma (19), Cesena (17), Circondario Imolese (14, ) Piacenza (12) e Ferrara (9). Le persone guarite sono 777 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 406.154 mentre i casi attivi, cioè i malati effettivi, calano di 464 unità a quota 10.029. Sul fronte dei decessi si registrano 3 vittime positive al Covid: una donna di 91 anni e due uomini di 91 e 93 anni. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i morti in regione sono stati 13.554. In lieve crescita i pazienti ricoverati in terapia intensiva che salgono a 33 (+3 rispetto a ieri), mentre negli altri reparti Covid i ricoverati diventano 282 (+4). Quanto alla campagna vaccinale, nel primo pomeriggio, erano state somministrate complessivamente 6.784.219 dosi: sul totale, sono 3.444.159 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. 

MARCHE - Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 118 nuovi casi di Covid-19, il 9,8% rispetto ai 1.206 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi (ieri il rapporto era stato del 9,4%, con 78 casi su 826 tamponi); il tasso di incidenza cumulativo su 100 mila abitanti continua a crescere ed ora è a 41,02 (ieri era a 37,69). Il totale dei positivi individuati dall'inizio della crisi è salito così a 115.520. Nelle ultime 24ore non sono state registrate vittime correlate al Coronavirus: il bilancio dall'inizio della pandemia resta quindi fermo a 3.095 morti: 1.736 uomini e 1.359 donne. 

TOSCANA  -  Sono 280 i nuovi casi Covid - età media 45 anni - nelle ultime 24 ore in Toscana che conta così 287.511 contagi complessivi. Eseguiti 28.404 tamponi (8.358 molecolari e 20.046 antigenici rapidi), di cui l'1% è risultato positivo (3,4% sulle prime diagnosi). Oggi si registra un solo decesso, quello di una donna di 107 anni, della provincia di Firenze: il totale dei pazienti morti sale a 7.251. Crescono i ricoveri: sono 248, 7 in più rispetto a ieri, di cui 24 in terapia intensiva, 3 in più. Rispetto a ieri il numero dei contagi è inferiore così come quello dei test effettuati. 

UMBRIA - Altri 70 nuovi casi Covid in Umbria, con gli attualmente positivi in salita del 5,5%, ma ricoverati stabili, 39 complessivamente, cinque nelle terapie intensive. Nell'ultimo giorno non sono stati registrati nuovi decessi per Covid, mentre sono 24 i guariti dal virus certificati. Gli attualmente positivi sono ora 883, 46 in più (erano 571 lo stesso giorno di una settimana fa, cioè 312 in meno). Sono stati analizzati 1.447 tamponi e 8.736 test antigenici, con un tasso di positività sul totale dello 0,68% (era 0,74% sabato)

VENETO  -  Sono 398 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Veneto nelle ultime 24 ore con il totale dei contagi che è arrivato a 477.275. Non ci sono decessi e il totale delle vittime resta a 11.815. La situazione clinica registra 200 ricoveri in area non critica (-4) mentre è stabile la terapia intensiva con 31 pazienti. Sul fronte della somministrazione del siero anti Covid, nelle ultime 24 ore sono state vaccinate 7.240 persone con l'utilizzo dell'88,7% dei farmaci disponibili. Ad aver completato il ciclo anti-Covid sono in totale 3.523.552 persone pari al 77,6% secondo quanto rende noto la Regione. I cittadini con almeno una dose sono 3.681.006, pari al 75,9% dei residenti vaccinabili. Son state inoltre somministrate complessivamente 68.971 terze dosi, 2.040 nelle ultime 24 ore, pari al 1,4% degli aventi diritto.

ABRUZZO - Oggi in Abruzzo si registrano 83 nuovi positivi di età compresa tra 4 e 93 anni. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 1.893 tamponi molecolari e 10.648 test antigenici. Non si registra nessun decesso mentre i guariti restano fermi a 78.255 guariti. Sul fronte ospefaliero sono 56 i ricoverati in area medica (+5) e 6 quelli in terapia intensiva (invariato), mentre 1.489 persone sono  in isolamento domiciliare (+78). 

ALTO ADIGE - In Alto Adige sono 78 i nuovi casi di Covid-19 su 5.576 tamponi processati nelle ultime 24 ore. Nessun decesso per Coronavirus, con il totale delle vittime da inizio pandemia che resta fermo a 1.199. Resta stabile il numero dei pazienti Covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri  (in tutto 38) mentre scendono da 6 a 5 i pazienti in terapia intensiva. Su 245.319 persone sottoposte a tampone molecolare, 51.609 sono risultate positive. Le persone positive al test antigenico sono 28.663. I guariti totali sono 78.180. 

BASILICATA - In Basilicata nelle ultime 24 ore sono stati processati 335 tamponi molecolari. Sedici le persone risultate positive al virus  Sars Cov2. Le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sono 21, nessuna in terapia
intensiva. Registrate anche 53 guarigioni.  

CALABRIA - Sono 132 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al coronavirus in Calabria su 3.376 tamponi eseguiti. In Calabria finora sono stati effettuati  1.274.181 tamponi, le persone risultate positive al coronavirus sono 86.476 (ieri erano 86.344). Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al Covid: rispetto a ieri scende il rapporto tra tamponi fatti e tamponi positivi: dal 3,73% al 3,50%. Dall'inizio dell'emergenza i decessi sono 1.440 (dato invariato rispetto a ieri), i guariti sono 82.192  (+133 rispetto a ieri), attualmente i ricoveri sono 85 (+3 rispetto a ieri), di cui 7 in terapia intensiva (-1 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 2.844 (-1).

CAMPANIA - La Campania è la regione con il maggior numero di contagi da Sars-Cov-2 nelle ultime 24 ore, con 467 nuovi casi registrati sulla base di 20.902 test eseguiti. Nelle ultime 24 ore si registra un solo decesso. Sul fronte ospedaliero sno 20 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, mentre 172 sono i posti letto occupati nei reparti di degenza ordinaria.

FRIULI VENEZIA GIULIA - Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 14.745 test e tamponi sono state riscontrate 148 positività al Covid 19, pari all'1,0%. Nel dettaglio, su 2.725 tamponi molecolari sono stati rilevati 138 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,06%. Sono inoltre 12.020 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 10  casi (0,08%). Oggi si registra un decesso. Restano 8 le persone ricoverate in terapia intensiva mentre sono 53 (+3) i pazienti ospedalizzati in altri reparti.

LAZIO -  Nel Lazio su 8.383 tamponi molecolari e 18.605 tamponi antigenici per un totale di 26.988 tamponi, si registrano 459 nuovi casi positivi (+36), 3 i decessi (-3), 335 i ricoverati (+13), 50 le terapie intensive ( = ) e 407 i guariti. il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,7%. Per quanto riguarda la campagna vaccinale solo oltre 8,65 milioni le dosi somministrate. Superato 91% della popolazione adulta e oltre 85% di over 12 che hanno concluso il percorso di immunizzazione.

LIGURIA - Sono 62 i nuovi positivi in Liguria, a fronte di 1.786 tamponi molecolari e 8.371 tamponi antigenici rapidi effettuati nelle ultime 24 ore. Aumentano ancora, anche se di una sola unità, gli Ospedalizzati ma calano le persone in Intensiva, sono 10. In
isolamento domiciliare ci sono 26 persone mentre quelle che si trovano in sorveglianza attiva sono 1.559.

MOLISE - In Molise l'indice Rt risale a 0,33 (era 0 la scorsa settimana) ma resta comunque il più basso d'Italia. Il dato è contenuto nel monitoraggio settimanale  dell'Istituto superiore di sanità. In leggero rialzo anche l'incidenza dei casi ogni 100mila abitanti che passa da 9,8 a 11,5 (molto al di sotto comunque della media nazionale che è 34). La regione torna a rischio basso (la scorsa settimana era salita a moderato). Per quanto riguarda infine la situazione ospedaliera, in terapia intensiva i posti letto occupati sono il
3%, in area medica il 2.

PIEMONTE - Sono 160 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 96 dopo test antigenico), pari allo 0,5% di 35.529 tamponi eseguiti, di cui 31.818 antigenici. Dei 160 nuovi casi, gli asintomatici sono 96 (60%). Non si registra nessun decesso nelle ultime 24 ore. I ricoverati in terapia intensiva sono 20 (+2 rispetto a ieri), mentre quelli nei reparti ordinari sono 185 (+6 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 3.573. I tamponi diagnostici finora processati sono 7.983.229 (+35.529
rispetto a ieri), di cui 2.335.292 risultati negativi. I pazienti guariti diventano complessivamente 371.814, +139 rispetto a ieri.

PUGLIA - In Puglia nessun decesso e 127 nuovi casi: 39 in provincia di Bari, 13 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 12 in quella di Brindisi, 22 in provincia di Foggia, 35 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto. Attualmente sono 2.317 le persone positive, 126 sono ricoverate in area non critica e 17 in terapia intensiva. Complessivamente dall'inizio dell'emergenza i casi totali sono stati 271.456 a fronte di 4.052.214 test eseguiti, 262.314 sono le persone guarite e 6.825 quelle decedute 

SARDEGNA - Curva dei contagi e ricoveri in picchiata nelle utime 24 ore in Sardegna, dove non si registra nemmeno un decesso. I nuovi casi confermati di positività al Covid sono 5, sulla base di 974 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 5.668 test. Il tasso di posività crolla allo 0,0 per cento. Invariato il numero dei ricoverati nei reparti di terapia intensiva, per un totale 7, sono invece 45 (-8) i pazienti in area medica. Le persone ancora in isolamento domiciliare sono
1.307 (-25) 

SICILIA - Sono 375 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia (ieri 291), a fronte di 9.752 tamponi effettuati, su un totale di 6.624.741 da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 7 decessi (ieri 6) che portano il totale delle vittime, sull'isola, a 6.986. Il numero degli attualmente positivi in Sicilia è di 6.668 (+127) mentre le persone ricoverate con sintomi sono 267, di cui 42 in Terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono 6.359 pazienti. I guariti/dimessi dall'inizio dell'emergenza ad oggi sono 292.004 (+241).

TRENTINO - Non si registrano decessi per Covid-19 in Trentino, dove oggi si contano 45 nuovi casi su oltre 8.800 tamponi effettuati. Sono infatti 22 i nuovi positivi al molecolare (su 445 test effettuati) e 23 all'antigenico (su 8.374 test effettuati). I molecolari confermano anche 13 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 6, di cui 2 in rianimazione. Nella giornata di ieri non sono stati effettuati nuovi ricoveri e sono invece state registrate 3 dimissioni.
Le vaccinazioni sono arrivate a quota 782.856; sono state finora somministrate 359.098 seconde dosi e 10.973 terze dosi.

VALLE D'AOSTA -  Nelle ultime 24 ore, sono stati rilevati tre nuovi positivi al Covid, a fronte di 248 casi testati. Dodici i guariti. Il numero dei positivi attuali scende a 88, di cui 82 in isolamento domiciliare e sei ricoverati (uno in meno di ieri) nel reparto Malattie infettive all'ospedale Parini di Aosta.

La pandemia nel mondo

Non c'è solo la Gran Bretagna a preoccupare per la recente impennata di nuovi contagi. Oggi la Bulgaria ha annunciato di essere sul punto di dover inviare all'estero i malati di Covid-19, con il sistema ospedaliero al collasso dopo una quarta ondata di pandemia. "La nostra capacità in termini di personale sanitario e ventilatori è quasi esaurita, dovremo cercare aiuto all'estero - ha detto il ministro della Salute bulgaro Stoycho Katsarov sul canale Nova TV - se la curva delle contaminazioni non si ridurrà entro 10-15 giorni". La vicina Romania aumenta intanto le restrizioni e la Cina fa i conti con nuovi focolai interni. Stamani, a poche ore dal via, è stata rinviata la a maratona di Wuhan "per prevenire il rischio di diffusione dell'epidemia". All'evento erano iscritti più di 26 mila sportivi divisi tra la corsa principale e la mezza maratona. Il gigante asiatico, secondo i dati della Johns Hopkins University, ha registrato 50 contagi nelle ultime 24 ore, numeri che stanno facendo crescere la preoccupazione per una possibile recrudescenza del virus. Intanto Israele destinerà 10 miliardi di shekel (circa 3,12 miliardi di dollari) per fronteggiare il rischio di future ondate del coronavirus. Lo ha annunciato il premier Naftali Bennett, sottolineando che mentre il Paese sta uscendo
dalla nuova ondata provocata dalla variante Delta, "sono attese nuove ondate" del virus anche in Israele. Fino ad oggi, circa il 42 per cento dei 9,2 milioni di cittadini israeliani ha ricevuto la terza dose del vaccino. 

Sintomi Coronavirus nei bambini

Sotto i tre anni il sintomo più comune del Covid nei bambini è il raffreddore, mentre sopra i tre anni il mal di testa diventa un campanello d'allarme. E' quanto emerge da uno studio osservazionale, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaderni Acp, a cui hanno partecipato 34 pediatri di famiglia che hanno seguito 1.947 bambini. I sintomi del Covid nei bambini variano in base all'età. Dallo studio emerge che la tosse è meno importante di quanto si pensasse. L'incidenza complessiva dei casi di malattia nella popolazione seguita è stata di 3,8 casi ogni mille bambini in un mese, con differenze significative tra le regioni italiane. L'Emilia Romagna e Veneto risultano le regioni più colpite. I pediatri confermano che, in generale, il decorso della malattia nell'età pediatrica si conferma significativamente meno grave rispetto alle età più avanzate, con un basso numero di ricoveri e una mortalità bassissima.