Alfredo Aglietti, allenatore del Chievo
Alfredo Aglietti, allenatore del Chievo

Verona, 4 maggio 2021 -  La Cremonese non riesce a riaccendere la fiammella dei play off e torna dal campo del Chievo con un pareggio (1-1) che non offre nuovi stimoli al finale di stagione dei grigiorossi, ormai fuori in modo definitivo dai giochi per gli spareggi-promozione e virtualmente salvi (anche se a soli 4 punti dai play out che, visto il distacco accumulato dal Cosenza rischiano però di non venire nemmeno disputati).

In vista della sfida con i gialloblù dei tanti ex (Mogos, Rigione e Renzetti partono titolari) mister Pecchia cambia ancora e manda in campo dal 1’ Bartolomei a centrocampo, con Nardi e Gaetano a formare la trequarti insieme a Baez. Sono proprio gli ospiti i primi a rendersi pericolosi e al 5’ Nardi si può involare verso la porta di Semper, ma al momento della conclusione sbaglia tutto e l’opportunità sfuma. Dopo un botta e risposta rimasto senza esito tra Gaetano e Garritano, intorno al quarto d’ora gli scaligeri aumentano la loro pressione. Prova così la conclusione per due volte Rigione, mentre al 20’ una sventola di Canotto si spegne sul fondo. Sono però ancora i giocatori Pecchia ad avere la palla-gol più interessante, con Strizzolo che al 22’ di testa manda alto di poco. Sul fronte opposto, invece, i veronesi lasciano il segno. È il 25’ quando Margiotta riesce a far arrivare il pallone a Fabbro che sembra fuori tempo, ma riesce a recuperare la sfera e a trafiggere Carnesecchi per una rete contestata dagli ospiti che recriminano su un fallo di Obi che ha viziato l’inizio della manovra e su una posizione dubbia di Margiotta. L’arbitro non è però di questo parere e convalida il vantaggio del Chievo, che gestisce con grande attenzione il vantaggio, controllando il tentativo di reazione della Cremonese. La squadra di Pecchia, però, non vuole rimanere a mani vuote e inizia la ripresa firmando subito il pareggio grazie ad un felice spunto di Gaetano, che semina i difensori gialloblù e batte Semper. I padroni di casa non ci stanno e al 6’ sfiorano il nuovo vantaggio con uno spunto di Margiotta che rimane di poco senza esito. Dopo una bella parata di Semper che neutralizza una secca botta di Valeri, al 13’ si rende nuovamente insidioso Margiotta, ma Carnesecchi è attento e sventa la minaccia. La consueta girandola delle sostituzioni non modifica più di tanto il copione della partita, che offre qualche felice affondo su entrambi fronti, ma Carnesecchi e Semper sono pronti a controllare i tentativi di Zortea e Djordjevic. La partita, pur senza offrire spunti particolarmente incisivi, rimane aperta sino alla fine, ma le due contendenti non riescono a premere con la necessaria concretezza sull’acceleratore e il triplice fischio dell’arbitro sancisce la divisione della posta in palio per un punto che non consente alla Cremonese di riaccendere il sogno di inseguire un posto nei play off.


Chievo-Cremonese 1-1 (1-0)

Chievo (4-4-2): Semper 6,5; Mogos 6 (34’ pt Bertagnoli 6), Leverbe 6, Rigione 6,5, Renzetti 6; Canotto 6,5 (30’ st Viviani 6), Palmiero 6, Obi 6,5, Garritano 6,5 (30’ st Vignato 6); Fabbro 6 (21’ st Di Gaudio 6), Margiotta 6,5 (21’ st Djordjevic 6). A disposizione: Seculin; Gigliotti; Vaisanen; Cotali; Pavlev; Giaccherini; Zuelli. All: Alfredo Aglietti 6.
Cremonese (4-2-3-1): Carnesecchi 6,5; Fiordaliso 6,5, Bianchetti 6,5, Terranova 6, Valeri 6,5; Valzania 6, Bartolomei 6; Baez 6 (20’ st Zortea 6), Gaetano 6,5 (30’ st Colombo 6), Nardi 6 (1’ st Buonaiuto sv dal 36’ st Deli sv); Strizzolo 6 (20’ st Ceravolo 6). A disposizione: Volpe; Zaccagno; Fornasier; Gustafson; Pinato; Ciofani. All: Fabio Pecchia 6.
Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce 6
Reti: 25’ pt Fabbro; 3’ st Gaetano.
Note: ammoniti: Nardi; Palmiero; Zortea – angoli: 8-6 – recuperi: 1’ e 3’ – la gara si è giocata a porte chiuse.