Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
5 apr 2022

"Io, sfregiato con l’acido dalla mia ex fidanzata racconto il mio calvario e chiedo aiuto"

William Pezzulo si racconta via web: aggredito dalla ex fidanzata, quasi accecato, ha dovuto subire 45 interventi e dovrà farne altri

5 apr 2022
milla prandelli
Cronaca
William Pezzulo ha dovuto sottoporsi a ben 45 interventi Ora dovrà farne almeno altri dieci
William Pezzulo ha dovuto sottoporsi a ben 45 interventi
William Pezzulo ha dovuto sottoporsi a ben 45 interventi Ora dovrà farne almeno altri dieci
William Pezzulo ha dovuto sottoporsi a ben 45 interventi

"Ho deciso di aprire questo canale per raccontare la mia storia, la mia vita e sensibilizzare le persone affinché dicano no a tutti i tipi di violenza, anche a quella delle donne verso gli uomini. Non solo: in esso mostrerò, quando i medici me lo consentiranno gli interventi a cui dovrò sottopormi per cercare di tornare almeno vicino a come ero prima di essere sfregiato con l’acido da una donna che non ha accettato di essere lasciata nonostante conoscessi tutti i suoi tradimenti. Donna che prima di ferirmi irrimediabilmente con il suo amico, mi ha stalkerizzato per otto mesi, causando danni sia a me sia alla mia famiglia". A raccontarsi tramite il web è William Pezzulo: l’uomo sfregiato dalla ex fidanzata Elena Perotti e da un suo complice. Era il 19 settembre 2012. Pezzulo nei giorni scorsi ha creato il proprio canale YouTube, intitolato "Willi-2.0", in cui ha pubblicato il primo contenuto.

In esso spiega cosa gli è accaduto e di essere stato il primo uomo in Italia a subire un simile trattamento dalla propria ex ragazza, che ha materialmente lanciato l’acido mentre il complice immobilizzava la vittima. È stata condannata a otto anni, trascorsi per lo più in comunità. Al travagliatese dovrebbero andare un milione e 280mila euro, che non ha mai avuto. William, nel giro di quasi dieci anni, ha dovuto sottoporsi a ben 45 interventi, di cui due nel 2022. Ora dovrà farne almeno altri dieci, sia per garantirgli la salute, sia per migliorare la parte estetica del suo corpo e del suo viso, che hanno riportato ustioni serissime. Ciò che purtroppo non recupererà mai è la vista. William Pezzulo, difatti, è stato quasi accecato e vede pochissimo. "Il mio è stato il primo caso – spiega William -. Poi si è verificato quello di Giuseppe Morgante. E non dimentico Jessica Notaro. Siamo amici".

Con Jessica, che lavora in tv, ci incontriamo meno frequentemente. Lei però ha messo a disposizione dei fondi per me e Giuseppe, di modo da consentirci di sottoporci ad alcune operazioni estetiche. Ci sostiene anche l’associazione di Michelle Hunziker, doppia difesa. Ogni aiuto che arriverà sarà per me bene accetto, perché le difficoltà sono tante e i costi molto elevati. Tra le operazioni che dovrò sostenere almeno la metà è a pagamento. Per una colpa non mia". Il 20 aprile William sarà visitato dal professor Pietro Lorenzetti per capire se potrà sottoporsi a un trapianto di barba di modo da nascondere le cicatrici del volto. "Avrei voluto fare il trapianto già tre anni fa – dice Pezzulo – ma per motivi economici non è stato possibile. Ora spero di farcela e di raccontarlo per fare capire quanto sia duro vivere così, ma il mio non sarà un canale triste".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?