Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

Maltrattamenti e violenze. Il pm chiede 7 anni per il manager geloso

L’imprenditore tedesco 50enne di casa sul Garda arrestato dopo l’indagine lampo con la procedura del Codice Rosso

Sette anni. È la richiesta di condanna formulata ieri dal pm Alessio Bernardi per un imprenditore tedesco 50enne di casa sul Garda, a processo per maltrattamenti, violenza sessuale e lesioni aggravate ai danni dell’allora compagna, 10 anni più giovane di meno. L’uomo era stato arrestato nel gennaio 2021 dopo un’indagine lampo con la procedura del Codice rosso, scattata in seguito alla denuncia della presunta vittima, parte civile, che aveva riferito di essere stata picchiata, insultata, vessata, fatta oggetto di tentativo di soffocamento con sacchetti di plastica infilati in testa e telecomandi della Tv in bocca, ma anche controllata con telecamere nascoste in casa.

Tutto per gelosia. Il convivente, con il quale ha diviso il tetto tra Manerba e Padenghe nel 2020 a fasi alterne, l’avrebbe anche obbligata a rapporti sessuali, inducendola persino in condizione di interrompere una gravidanza dubitando di essere il padre del bambino. Per il pm, che ha chiesto la condanna per tutte le imputazioni con l’unica eccezione dell’assoluzione dall’accusa di avere spiato la compagna con le telecamere, i racconti della vittima sono stati "credibili e coerenti, provati dall’istruttoria e da referti medici. La donna poi, avendo anche già ricevuto un risarcimento simbolico (4mila euro, ndr) non era mossa da tentativi di arricchimento". Al contrario per le difese, gli avvocati Gianluca Savoldi e Gigi Bezzi, la testimonianza della parte offesa è stata "non veritiera e contraddittoria. Le ingiurie tra loro erano reciproche, era lei ad essere gelosa della ex di lui e ad averlo aggredito. La scelta di abortire era stata reciproca e sofferta".

Non ci sarebbe stata inoltre alcuna violenza: l’imprenditore va assolto da tutti i reati. Solo quello di lesioni per le difese andrebbe riqualificato in eccesso colposo di legittima difesa. Sentenza in maggio.

B.Ras.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?