Quotidiano Nazionale logo
23 mar 2022

Brescia, arriva il nuovo tecnico dopo Inzaghi: è partito il Corini ter

Il tecnico di Bagnolo Mella, che in mattinata si è definitivamente liberato dal Lecce ed ha raggiunto l'accordo con la società del presidente Cellino 

luca marinoni
Sport
Brescia's head coach Eugenio Corini before the Italian Serie A soccer match Brescia FC vs Inter FC at Rigamonti stadium in Brescia, Italy 29 october 2019. ANSA/FILIPPO VENEZIA
Eugenio Corini

Brescia - Eugenio Corini è per la terza volta, nello spazio di tre anni e mezzo, l’allenatore del Brescia Calcio. L’allenatore di Bagnolo Mella, che in mattinata si è liberato definitivamente dal Lecce ed ha raggiunto l’accordo definitivo con la società del presidente Massimo Cellino, è tornato nella sede di allenamento per lui ben conosciuta di Torbole ed è sceso in campo per incontrare e salutare ad uno a uno tutti i giocatori. Dopo il saluto iniziale (e programmatico) del tecnico, il gruppo ha cominciato la parte atletica dell’allenamento, guidato dal preparatore Salvatore Sciuto.

Si sono chiuse in questo modo, ancora prima dell’annuncio ufficiale della società dell’esonero di Filippo Inzaghi e della scelta di riportare Corini, che due anni fa ha condotto il Brescia in serie A, le ore convulse che hanno fatto seguito al pareggio in casa del Pordenone che ha fatto scattare nel presidente Massimo Cellino la decisione di interrompere, anche in un momento tanto delicato della stagione, la collaborazione con Filippo Inzaghi.

Una scelta che, a dire il vero, il massimo dirigente biancazzurro aveva già preso a febbraio, salvo ritornare sui suoi passi soprattutto a causa di una clausola inserita nel contratto stipulato con l’ex attaccante che rendeva automaticamente nullo l’esonero con il Brescia tra le prime otto in classifica. Una situazione che, a livello pratico, si sta ripetendo in questo frangente, visto che Bisoli e compagni, anche se sono scivolati all’indietro e sono staccati quattro punti dalla zona promozione diretta, si trovano pur sempre al quinto posto.

Al di là di queste considerazioni di natura legale, che a breve “giocheranno” certamente la loro partita, subito dopo la gara giocata a Lignano Sabbiadoro sono iniziati i contatti che, in pratica, si sono conclusi questa mattina dopo una lunga full immersion. Il Brescia Calcio ha inviato (via pec) a Filippo Inzaghi la comunicazione del suo esonero, nel frattempo Eugenio Corini si è liberato dal Lecce (con il quale era ancora sotto contratto fino al 2023) e, sempre questa mattina, dopo che sono giunti i necessari permessi dal punto di tecnico-regolamentare per il nuovo tesseramento e l’esonero dell’allenatore precedente, ha raggiunto la sede della sodalizio biancazzurro.

Lì ha definito l'accordo (supportato da precise richieste soprattutto tecniche) che ha dato il via alla sua terza avventura con la squadra della sua città. L’auspicio, naturalmente, è che il “viaggio” questa volta possa essere sereno e tranquillo e possa riportare il Brescia in serie A proprio come è accaduto due stagioni or sono al primo approdo sulla panchina delle Rondinelle. A questo punto, quella che sarà la reazione di Filippo Inzaghi ad un esonero messo in discussione da una clausola del suo contratto potrebbe dare il via ad una nuova “questione” che, però, non sarà più su un campo di calcio.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?