L’Atalanta batte il Milan 3-2 all’ultimo assalto con un tacco di Luis Muriel

Dea due volte in vantaggio con Lookman, i rossoneri avevano trovato due volte il pari con Giraud e Jovic

Atalanta in paradiso, Muriel segna il 3-2 al Milan al 95'

Atalanta in paradiso, Muriel segna il 3-2 al Milan al 95'

L’Atalanta torna alla vittoria, grazie ad una doppietta di Ademola Lookman e ad un capolavoro di tacco di Luis Muriel, battendo in casa per 3-2 il Milan, sfruttando il fattore campo e la spinta dei 15mila del Gewiss Stadium, in una sfida tra squadre condizionate dalle troppe assenze e costrette a rivoluzione moduli e schemi.

Vittoria pesante per la Dea che con carattere si rilancia nella corsa verso la zona Champions, risalendo a quota 23 punti, frenata per il Diavolo che paga le troppe assenze non riuscendo a chiudere le maglie difensive, dove si infila il velocissimo Lookman, e davanti ha faticato a inquadrare la porta avversaria se non da calcio piazzato.

Successo voluto dai bergamaschi, bravi a crederci fino alla fine, nonostante la doppia rimonta del Milan, bravi a concretizzare nel finale con una prodezza di Muriel su assist di Miranchuk, sfruttando gli ingressi dei due nuovi entrati.

Partita in avvio dai ritmi altissimi. Dopo tre minuti triangolazione a sinistra tra Pulisic e Giraud, cross in area e il francese dal dischetto viene murato dal salvataggio decisivo di Djimsiti. All’ottavo occasione d’oro per la Dea, ancora una combinazione da sinistra tra Koopmeiners e Lookman che di testa libera in area l’accorrente De Ketelaere che da due metri dalla porta calcia alle stelle il più facile dei palloni.

Errore clamoroso per il belga. Milan vicino al vantaggio al 25’, da corner deviazione di Tomori, da due passi Ederson salva a porta libera ma rischiando l’autorete.

Cresce la spinta del Milan, ma davanti Giraud è troppo isolato, i rossoneri collezionano corner ma non trovano la porta nerazzurra e al 38’ a sbloccarla è l’Atalanta: rimessa laterale di Koopmeiners da sinistra per Lookman che salta l’uomo e dal limite calcia colpendo la gamba di Tomori in chiusura, che devia il pallone spiazzando irrimediabilmente Maignan.

Rossoneri che ripartono allungando la squadra, l’Atalanta tiene in mezzo e prova in ripartenza. Il pareggio arriva al secondo minuto di recupero sullo sviluppo di un’azione contestata dall’Atalanta: contatto dubbio a metà campo tra Lookman e Tomori che recupera palla innescando una giocata che porta ad un calcio d’angolo.

Vibranti proteste atalantine, con i giocatori nerazzurri che circondano l’arbitro: dal corner arriva l’incornata vincente di Giraud per l’1-1. Ripresa con l’Atalanta che parte fortissimo con due opportunità per Koopmeiners murato dalla difesa rossonera e con un bolide da fuori area di Scalvini che Maignan alza con una smanacciata.

L’Atalanta aumenta i giri del pressing e al 54’ arriva il nuovo vantaggio con il consolidato schema della triangolazione a sinistra tra Lookman e De Ketelaere che scodella in mezzo il pallone per l’anglo nigeriano che, lasciato libero da Hernandez e Tomori, insacca facilmente il 2-1.

Tre minuti più tardi ancora De Ketelaere che affonda a sinistra ma la conclusione del belga, da posizione angolata, si rivela un traversone che attraversa innocuo l’area rossonera. Pioli inserisce prima Bennacer e poi Jovic, per aumentare la trazione offensiva, ma la reazione del Milan non arriva e l’Atalanta continua a pressare alto, recuperando palloni, avviando ripartenze con Koopmeiners e De Ketelaere collezionando corner, con Maignan costretto a sbrogliare matasse in area.

Al 76’ Dea vicinissima a chiuderla: Giorgio Scalvini sradica di potenza il pallone a Tomori e poi resiste con fisico e grinta anche al rientro di Calabria, calcia n porta con Maignan che respinge sull’accorrente Lookman che spara a colpo sicuro trovando il clamoroso colpo di reni del portiere francese a evitare il 3-1.

La legge del gol sbagliato gol subito punisce la Dea, due minuti più tardi il Milan affonda a sinistra, cross di Pulisic che attraversa l’area, velo di Giraud e Luka Jovic lasciato libero insacca facile il 2-2. Secondo gol consecutivo per il ritrovato bomber serbo. Sembra finita ma Gasperini ci crede e cambia gli attaccanti gettando nella mischia Muriel e Miranchuk entrambi finora con le polveri bagnate.

Il clima nel finale si surriscalda, il Milan resta in dieci per l’espulsione di Calabria per somma di ammonizione e all’ultimo assalto atalantino Koopmeiners confeziona un’apertura per Miranchuk che appoggia per Muriel che di tacco spiazza Maignan trovando la sua prima rete stagionale.

Atalanta che ha ritrovato le gambe migliori dei suoi titolari, mostrando più carattere e voglia di vincerla. Milan che frena e resta a 29 punti, pagando le troppe disattenzioni difensive. Atalanta 3 – Milan 2

Primo tempo: 1-1

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 6; Scalvini 6,5, Djimsiti 6,5, De Roon 6; Zappacosta 6,5, Pasalic 6 (86’ Adopo sv), Ederson 6, Ruggeri 6; Koopmeiners 6,5; De Ketelaere 6 (81’ Muriel 7), Lookman 7 (81’ Miranchuk 6,5). All.: Gasperini 7

Voto squadra 6,5

MILAN (4-3-3): Maignan 7; Calabria 5,5, Tomori 5,5, Hernandez 6, Florenzi 6; Loftus-Cheek 5,5 (72’ Jovic 7), Reijnders 6 (87’ Adli sv), Musah 6; Chukwueze 5,5 (58’ Benaccer 6,5) Giroud 6,5, Pulisic 6,5. All.: Pioli 6

Arbitro: La Penna 6

Marcatori: 38’ Lookman (A), 45’ + 3 Giraud (M), 55’ Lookman (A), 80’ Jovic (M), 95’ Muriel (A)

Continua a leggere tutte le notizie di sport su