Quotidiano Nazionale logo
9 apr 2022

Omicidio Yara: condanna definitiva, il caos pure. Bossetti, l’assurda navetta fra giudici

Bergamo, dal 2019 quattro istanze e due rinvii dalla Cassazione per decidere se i reperti si possono consultare

gabriele moroni
Cronaca
Yara Gambirasio e Massimo Bossetti
Yara Gambirasio e Massimo Bossetti

Bergamo -  Ci sono alcune date da fissare nella storia infinita, nell’odissea tortuosa e per alcuni versi paradossale, nell’estenuante rimpallo da Bergamo a Roma e ritorno, dalla Corte d’Assise alla Cassazione e ancora all’Assise. È la questione dell’esame dei reperti del caso di Yara Gambirasio. Un esame autorizzato da quasi due anni e cinque mesi e mai eseguito. Claudio Salvagni e Paolo Camporini sono i difensori di Massimo Bossetti, definitivamente all’ergastolo per l’omicidio della tredicenne di Brembate di Sopra. Nel 2019 chiedono l’esame di una serie di reperti: le provette con 54 campioni di Dna, gli slip di Yara con impressa la traccia biologica dell’assassino (quel’"Ignoto 1" che la genetica ha identificato in Bossetti), i leggings, le biancheria, le scarpe, tutto quello che la piccola vittima portava su di sé nella sua ultima serata di vita, il 26 novembre 2010. Quella del 29 novembre 2019 è una data importante: la Corte d’Assise di Bergamo accoglie l’istanza della difesa, presentata tre giorni prima. La mattina dopo i difensori notificano la decisione alla procura orobica e all’ufficio corpi di reato del tribunale e chiedono la conservazione dei reperti. Il 2 dicembre il presidente della Prima sezione del tribunale di Bergamo, Giovanni Petillo, invia all’ufficio corpi di reato un provvedimento in cui precisa che quanto autorizzato deve essere inteso come una "ricognizione", alla presenza della polizia giudiziaria, e quindi non sono consentiti esami invasivi. Nulla può essere toccato o preso. Un "guardare e non toccare" per i legali di Bossetti che in ogni caso hanno conseguito un risultato. Tanto che il 9 dicembre chiedono di conoscere tempi e modalità di un’operazione che è stata comunque autorizzata. Il 2019 si chiude con questo aggrovigliato finale. Il 15 gennaio del 2020, su istanza del pm Letizia Ruggeri (che ha sostenuto l’accusa nel processo di primo grado) ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?