Quotidiano Nazionale logo
24 feb 2022

Bergamo, "Rsa messe in ginocchio dai rincari delle bollette"

Sos Lazzarini, dg della più grande struttura della Bergamasca con 500 ospiti

michele andreucci
Cronaca
BERGAMO//RSA CASA DI RIPOSO CARISMA DI VIA GLENO//FOTO DE PASCALE
una rsa

Bergamo, 25 febbraio 2022 - È sempre più drammatica la situazione delle 66 case di riposo della Bergamasca, alle prese con una situazione difficilissima per quel che riguarda gli aumenti delle bollette della luce e del riscaldamento: i rincari energetici sono un vero e proprio salasso con parecchi zeri, una nuova tempesta economica al culmine di due anni complessi anche dal punto di vista gestionale a causa della pandemia. A seconda delle dimensioni della struttura, si prevedono maggiori spese per migliaia, decine di migliaia o addirittura centinaia di migliaia di euro. Il conto è un aumento di spesa complessivo nell’ordine di diversi milioni di euro.

Nelle case di riposo più ampie, il conto energetico potrebbe anche passare da un milione di euro l’anno a due milioni di euro l’anno. "Piove sul bagnato - è il grido d’allarme di Fabrizio Lazzarini, direttore generale di Fondazione Carisma, la più grande Rsa della Bergamasca con circa 500 ospiti -. E purtroppo, difficilmente la situazione si risolverà a breve. Le strutture nuove, tra l’altro, hanno un comfort decisamente più avanzato rispetto a quelle vecchie, ma è un comfort che presenta un costo. Per cambiare l’aria una volta bastava aprire le finestre, a costo zero. Adesso, invece, ci sono degli impianti di riciclo dell’aria molto sofisticati e innovativi, ma che hanno un consumo importante. Il tema, nelle Rsa come per ogni realtà, è come non scaricare sull’utente questa situazione". Servono, quindi, misure di sostegno, spiegano i gestori delle case di riposo, per non dover andare a gravare sulle rette. La Regione in questi mesi qualcosa ha fatto, ma ancora non c’è stato l’indennizzo per le rette perse.

«Questi rincari - sottolinea Cesare Maffeis, alla guida dell’Acrb, l’Associazione case di riposo bergamasche che rappresenta una trentina di strutture - sono un evento imprevisto che va a peggiorare la situazione, calcolando che negli ultimi due anni l’incremento delle rette è stato contenuto, di uno o due punti percentuali. Se le bollette ora crescono del 100%, senza aiuti esterni c’è il timore di dover impattare sulle famiglie". "Serve fare gioco di squadra - commenta Barbara Manzoni, presidente dell’Associazione San Giuseppe che riunisce un’altra trentina di Rsa di ispirazione cattolica -. Occorre pensare a quanto bene fanno le Rsa per il territorio e per la popolazione, soprattutto le più piccole e decentrate. Per questo chiediamo aiuto".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?