Varese, 1 novembre 2017 - Un conto corrente per raccogliere donazioni e una mail per le adesioni dei cittadini. Sono le prime iniziative del Parco Campo dei Fiori per l’emergenza rogo. #Campodeifiorisiamonoi è l’hastag con cui l’Ente regionale, in accordo con i Comuni, lancia una campagna di sensibilizzazione a seguito del drammatico incendio che ha colpito la montagna di Varese. "Da una settimana decine di volontari delle squadre dell’anti-incendio boschivo, della protezione civile regionale, le guardie ecologiche volontarie, operatori e vigili del fuoco sono impegnati giorno e notte per combattere il fuoco - sottolinea il presidente del Parco Giuseppe Barra -. Intanto migliaia di cittadini seguono con apprensione l’evolversi della situazione e ci chiedono senza sosta come partecipare a questo straordinario sforzo di solidarietà e amicizia. Per questo abbiamo pensato a una prime serie di iniziative".

In una riunione urgente del Consiglio di gestione del Parco, è stata deliberata l’apertura di un conto corrente straordinario per la raccolta fondi. Le risorse raccolte saranno destinate su tre obiettivi: ripiantumazione delle aree devastate dal fuoco, sostegno all’Osservatorio astronomico per il ripristino dei percorsi didattici nell’area, risistemazione dei sentieri per favorire al più presto la fruizione del Parco. Il conto corrente sarà pubblicato sul sito dell’ente. Il fuoco intanto è sotto controllo: l’incendio che ha incenerito quasi 70 ettari di bosco è quasi domato. È confermato il divieto di salire al Campo dei Fiori o sui sentieri del Parco per lasciare libero il passaggio e permettere agli operatori di lavorare, ma il Comune di Varese ha dato il permesso ai residenti di tornare nelle proprie abitazioni dopo l’evacuazione di venerdì sera. Il Comune ha vietato, in occasione di Halloween, l’utilizzo di mortaretti, petardi e lanterne volanti.  Intanto la caccia è sospesa in tutta la zona sino al 16 novembre. Ieri gli studenti delle scuole di Luvinate hanno lanciato un appello affinché gli animali in fuga dall’incendio fossero risparmiati. L’assessore regionale all’agricoltura Fava ha disposto con decreto la chiusura temporanea della caccia nel territorio del parco, a seguito degli incendi di questi giorni. Nello specifico il decreto sospende l’attività venatoria da oggi fino al 16 novembre, nei territori dei comuni di Comerio, Barasso, Luvinate, Casciago, Varese e Brinzio. Sono in tanti ad averlo chiesto in questi giorni, tra questi i consiglieri regionali Emanuele Monti e Luca Marsico.