Busto Arsizio (Varese), 8 settembre 2017 - Di sicuro ama lo sport, nello specifico il volley. E non potrebbe essere diversamente per il micio che da un mesetto ha “preso casa” al PalaYamamay, il palazzetto tempio bustese della pallavolo. E’ già a suo modo una star del web: le sue foto e il video pubblicati vantano migliaia di visualizzazioni, insomma è ormai un beniamino, delle atlete, dello staff della società e dei tifosi.

Da dove venga non si sa, si è presentato un giorno al palazzetto e ha deciso che da lì non se ne sarebbe andato. Ha trovato subito accoglienza e affetto, c’è voluto poco per il micio per ora senza nome trovarsi a casa. L’ambiente è stato immediatamente di suo gradimento altrimenti dopo un breve soggiorno se ne sarebbe andato. Invece eccolo lì, come lo immortalano le fotografie, presente anche in campo, durante gli allenamenti delle ragazze della Uyba con le quali dimostra di andare d’accordissimo. Loro si allenano e lui tranquillo se ne sta sdraiato sul tappettino, attento osservatore. Insomma ha trovato una casa e tanto affetto e lui ricambia facendo capire che lì si trova proprio bene. Fino ad oggi nessuno si è fatto vivo, nessuno ha risposto agli appelli lanciati per trovare il proprietario, e il micione, un bell’esemplare di soriano, non ha manifestato atteggiamenti che potessero far intendere nostalgia di un padrone. Non è peraltro da escludere che magari sia stato anche un padrone ad abbandonarlo. Ma se così è stato, il micione ha trovato qui tanto affetto da non rimpiangere il passato. 

Si aggira come un padrone di casa che conosce bene ogni angolo nella struttura, tutti gli vogliono bene e pertanto se nessuno arriverà a reclamarlo il PalaYamamay resterà la sua casa. E le campionesse del volley, che hanno deciso di contribuire alle spese per crescerlo, potranno contare anche sul suo tifo. Dice il direttore generale Uyba Enzo Barbaro: "Siamo tutti innamorati di lui. Lo stiamo accudendo e lo abbiamo già affidato alle cure del veterinario. E’ in buona salute. Chiediamo a chi lo incontrerà al PalaYamamay di trattarlo con rispetto e con amore come lui sta facendo con noi. Per ora non ha un nome, ne troveremo uno coi suggerimenti che arrivano dai tifosi sul web".