Pavia, 10 novembre 2017 - Cambio ai vertici della Questura: dal prossimo 20 novembre arriva a Pavia Andrea Valentino, attualmente questore di Alessandria. Napoletano di Sant’Anastasia, classe 1961, entrato in polizia nel 1988, a inizio carriera ha ricoperto vari incarichi alla Questura di Como, prima come vice-capo di gabinetto, poi come dirigente dell’Upgsp (Ufficio Volanti), poi della Digos e infine della squadra Mobile. Trasferito nel 1995 alla Questura di Milano, ha diretto i Commissariati sezionali di Lambrate, Greco Tufo e Fiera, ricoprendo poi l’incarico, dal 1999, di dirigente dell’Ufficio prevenzione generale, la divisione che comprende tutti gli uffici impegnati nell’attività di prevenzione e controllo del territorio, in particolare la sezione Volanti, il 113 e la Centrale operativa. Sempre per la Questura di Milano, tra il 2005 e il 2006 ha diretto il Commissariato coordinatore di Bonola, quello sezionale di Garibaldi-Venezia e infine il Commissariato Centro, fino alla promozione a dirigente superiore. Due anni e mezzo fa, il suo primo incarico di questore con destinazione Alessandria, che ora lascia per la promozione a Pavia.

Ivana Petricca, questore di Pavia dal maggio 2013, torna invece a Verona, dove aveva già ricoperto vari incarichi dal 1989 al 2009. Per entrambi i questori, i trasferimenti decisi dal Dipartimento di pubblica sicurezza del ministero dell’Interno, in sedi considerate più prestigiose delle precedenti per le dimensioni e i territori, rappresentano un avanzamento di carriera. Classe 1960, originaria di Anticoli Corrado (Roma), laureata in Giurisprudenza all’Università La Sapienza di Roma, sposata e madre di tre figli, in polizia dal 1986, Ivana Petricca era stata la prima donna questore di Pavia, arrivata proprio quando era prefetto Giuseppa Peg Strano Materia, anche lei la prima donna a ricoprire tale incarico a Pavia. E poi era rimasta sempre alla guida della Questura anche per la durata dell’incarico a palazzo Malaspina del prefetto Erminia Rosa Cesari. Sarà solo una coincidenza “di genere”, ma ora che da settembre in Prefettura c’è Attilio Visconti, arriva una nomina al maschile anche in Questura.