Milano, 25 novembre 2017 - Le festività stanno arrivando e con loro il tradizionale appuntamento della Prima della Scala di Milano, il 7 dicembre: l'opera in scena sarà  l'Andrea Chénier di Umberto Giordano con la regia di Mario Martone Sul podio il direttore musicale dell'ente scaligero, Riccardo Chailly, e sul palcoscenico la superstar della lirica Anna Netrebko insieme al (meno acclamato) marito Yusif Eyvazov.  Andrea Chénier è un titolo  del repertorio verista. Fu battezzato nel 1896 e fu rappresentato l'ultima volta al Piermarini nel 1985. Ora torna con la direzione di Chailly che nel 2018 festeggerà quarant'anni di attività alla Scala. "E' l'opera dei milanesi - ha spiegato il maestro Chailly - fu un trionfo la prima del 1986 e quando è stata ripresa qui è stata sempre un successo".

I manifesti di 'Andrea Chénier' porteranno la firma del pittore Ernesto Tatafiore. L'immagine, un ritratto immaginario del poeta protagonista dell'opera, è stata realizzata appositamente per la Prima scaligera e rappresenta l'ideale continuazione di un ciclo di opere dedicate da Tatafiore alla Rivoluzione francese. Tatafiore aveva già firmato il manifesto per 'La morte di Danton' di Georg Büchner andata in scena a Torino nel 2015 per la regia di Mario Martone: "il rimando tra le due immagini - si legge nella nota - arricchisce l'intreccio tematico che lega le due produzioni che in modi e con mezzi diversi indagano le speranze e i drammi politici e umani seguiti alla Rivoluzione".

Come tutti gli anni, Milano si sta preparando al grande evento. In città sono già iniziati gli appuntamenti dedicati all'opera scaligera, ma la prossima settimana, il Comune di Milano svelerà il programma della 'prima diffusa', cioè del cartellone di appuntamenti dedicati al Chénier che si svolgeranno in città, inclusi i luoghi dove si potrà vedere la diretta.  Il 3 dicembre tornerà l'anteprima dedicata agli under 30. I biglietti per la Prima sono andati da subito a ruba e restano ancora pochi posti liberi. Chi non potrà sedersi in sala, comunque potrà vedere l'opera al cinema o in diretta su RaiUno (e radio 3). Come già lo scorso anno, saranno Milly Carlucci e il direttore di Rainews Antonio Di Bella a condurre la trasmissione realizzata da Rai Cultura sulla rete ammiraglia e in contemporanea su RaiHD.

Numerose le personalità e i vip presenti il 7 dicembre, che sfoggeranno elegantissimi ed appariscenti abiti, scelti appositamente per l'occasione. Pare certo nemmeno questa volta sarà presente il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dal 5 al 7 dicembre impegnato in una visita in Portogallo. È confermato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, probabilmente tornerà il presidente del Senato Pietro Grasso e si parla della possibilità che nel palco reale sieda anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.